Condividi la notizia

CULTURA ADRIA

Adria stringe un "Patto per la lettura". La cultura è al centro della cittadina etrusca

Un progetto derivante dal titolo assegnato come "Città che legge", che vuole essere un volano per la cultura adriese soprattutto per quanto concerne l'abitudine alla lettura (Rovigo)

0
Succede a:
ADRIA (Rovigo) - Dopo l'attribuzione del titolo di "Città che legge", Adria non si ferma e non si osanna senza far nulla, ma continua il suo percorso di crescita culturale cercando un "Patto per la lettura" che vada a coinvolgere tutte le associazioni, gli enti e anche le singole attività per promuovere la cultura in tutti i suoi aspetti. 

I diversi portatori d'interesse, già da questa settimana, potranno richiedere e ricevere sul sito del comune, tutte le informazioni tecniche per accedere a questo importante progetto, che vede come capofila il comune di Adria.

"Il Patto di Adria per la lettura è un nuovo percorso che abbiamo voluto intraprendere dopo l'attribuzione del titolo che la nostra cittadina ha ricevuto, ossia di "Città che legge". Inizia così il sindaco Omar Barbierato per questa importante presa di posizione dell'amministrazione comunale. "Un ringraziamento va a Veronica Sturaro, Enrica Crivellaro e Andrea Micheletti che insieme hanno ottenuto questo risultato. La cultura deve essere il motore del nostro territorio, in particolar modo per la nostra città. Questo patto di Adria per la lettura, è una ricerca di collaborazione con tutti i portatori d’interesse, per creare eventi e occasioni che aiutino a svilupparla in tutti i suoi aspetti; vista la pandemia è giusto sottolineare ancora di più l'importanza culturale che ha questo progetto".

Successivamente è l'assessore Andrea Micheletti che commenta: "È stata una sfida per me molto importante e non posso fare a meno di ringraziare la giunta comunale per tutto l'appoggio che mi ha dato. Adria ha vinto il titolo di "Città che legge" grazie ad associazioni e collaboratori che hanno sempre creduto in un progetto di qualità e che rendesse speciale questa cittadina".

"Inoltre devo ringraziare personalmente l'editore locale Paolo Spinello per i suggerimenti dati durante tutto questo percorso. Il comune ha creduto tanto in questa missione: per questo sarà il progetto di punta per tutto l'anno 2021. Quindi non è solo una questione di pavoneggiarsi, ma di trasformare tutti questi progetti e l'impegno profuso in realtà. Adria che legge è una delle tante iniziative che porteremo avanti e che danno lustro culturale alla nostra cittadina". 

In seguito è Enrica Crivellaro, organizzatrice di eventi culturali, che sottolinea le finalità di questo patto: "Ci sarà la collaborazione con associazioni culturali, editori, biblioteche, librerie e quanti vorranno far parte di questo progetto. Il comune di Adria si prefigge degli obiettivi per divulgare la lettura e chiede ovviamente un determinato impegno ai propri partner". 

In particolare: "Promuovere e potenziare il numero dei lettori (famiglie e bambini, oltre a persone con fragilità sociale); il coinvolgimento di scuole e biblioteche, con il potenziamento della fruibilità dei testi sia in versione cartacea che digitale; inoltre favorire la costituzione di una rete per aumentare le potenzialità di questo progetto, raccogliendo intorno al tema lettura tutti i soggetti che credono in essa e sono consapevoli della sua potenza all’interno del territorio; infine la promozione della conoscenza di personalità illustri adriesi e non solo per dare maggiore forza all'identità culturale di Adria (esempio il Cieco Grotto".
 
La scadenza per le donande sarà il prossimo 15 febbraio. 

 
Articolo di Domenica 17 Gennaio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it