Condividi la notizia

LA SEGNALAZIONE

Mensa scolastica,  i genitori protestano: “Il formaggio grattugiato monodose presentava muffa”

I problemi rilevati da qualche genitore nella mensa scolastica della scuola primaria di Badia Polesine (Rovigo) vanno risolti con decisione ed equilibrio. Lettera al Sindaco

0
Succede a:

BADIA POLESINE (Rovigo)– Con una lettera consegnata al Sindaco, dopo un colloquio avuto nella mattinata di lunedì 18 gennaio, alcuni genitori (specificatamente della 5^ D) hanno denunciato “l’ennesimo disservizio riscontrato nella mensa scolastica”, riconducibile alla ditta che fornisce i pasti alla scuola primaria.

Nella lettera si legge che: “Nel vassoio con il pranzo, la busta con il formaggio grattugiato monodose presentava muffa” e viene citata la testimonianza di una insegnante. La lettera inoltre solleva il dubbio che la scuola abbia segnalato l’accaduto alla ditta appaltatrice “ … o a qualsiasi altro organo competente”, per cui i mittenti hanno ritenuto doveroso informare il Sindaco.

Interpellato sull’accaduto Giovanni Rossi, da un lato ringrazia per essere stato informato del problema ma, dall’altro, ritiene intempestivo ricorrere agli organi d’informazione da parte del gruppo di genitori, prima ancora d’avergli dato il tempo d’intervenire per accertarsi e dare risposte circostanziate.

Da parte sua l’assessore competente Valeria Targa assicurando il suo intervento per verificare le eventuali responsabilità della ditta sull’episodio lamentato, invita a non drammatizzare perché i problemi rilevati vanno risolti con decisione ma anche con equilibrio.

“Quello segnalato è un episodio grave e va tempestivamente risolto”, ha ammesso l’assessore che tuttavia invita a riflettere sulla straordinarietà della contingenza pandemica che inevitabilmente produce qualche disagio agli utenti e notevoli difficoltà organizzative ed operative nella gestione. “Fatta salva la salubrità dei prodotti, commenta l’assessore, invito i genitori a comprendere che nell’attuale complicata situazione qualche intoppo ci può essere”. Effettivamente la quantità delle prescrizioni imposte per contrastare il contagio del covid-19 finisce per penalizzare l’organizzazione del servizio. “Ciò non toglie, conclude l’assessore, che non transigeremo sulla qualità del prodotto offerto rispetto agli impegni contrattuali della ditta appaltatrice”.

Resta infine da capire quale sia la percentuale dei malcontenti; un indicatore niente affatto trascurabile per valutare la dimensione del problema e per evitare frettolose generalizzazioni.

Sul caso abbiamo interpellato anche la dirigente scolastica Giulia Corso che, sentita l’insegnante presente nella circostanza segnalata, ha minimizzato l’accaduto circoscrivendolo ad un caso fortuito “ … che potrebbe essere stato causato da una piccola foratura nella confezione di formaggio grattugiato”.

Per la cronaca, i firmatari hanno comunicato per interposta persona, di rimandare l’incontro inizialmente richiesto, in attesa delle risposte da parte degli Organi competenti.

Ugo Mariano Brasioli

 

 

Articolo di Mercoledì 20 Gennaio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it