Condividi la notizia

CULTURA ROVIGO

I numeri del 2020 al tempo del Covid

Complessivamente sono state effettuate 7.435 ricerche, di cui 7.015 bibliografiche e 420 inerenti materiale manoscritto. Da segnalare il servizio di Libri da asporto, molto gradito agli utenti dell’Accademia dei Concordi di Rovigo 

0
Succede a:

ROVIGO - Come ogni anno a gennaio, la biblioteca dell’Accademia dei Concordi tira le somme della propria attività nei dodici mesi precedenti. I numeri del 2020 sono ridotti rispetto alle scorse annualità, ma trattandosi dell’operato nell’anno dell’emergenza Covid-19, è necessario leggerli senza dimenticare quanto sia stato grave l’impatto della pandemia in ogni attività e settore

La biblioteca dell’Accademia, pur adattandosi alle variabili delle disposizioni nazionali legate al contenimento della diffusione del virus, ha sempre cercato di venire incontro alla propria utenza, mantenendo un contatto e un riferimento, sia pur virtuale, con un’offerta di letture online nei mesi di chiusura del primo lockdown e ripristinando, quando consentito, i servizi possibili, in conformità alle normative di volta in volta in vigore.

Per compensare la difficoltà di creare occasioni per promuovere la lettura sono state  realizzate 24  bibliografie e vetrine tematiche; tra queste segnaliamo:  Le  letture virali; Il percorso bibliografico per ricordare i 100 anni dalla nascita di Gianni Rodari; I grandi romanzi storici; L’omaggio a Luis Sepulveda, poeta e scrittore morto nel 2020; Viaggiare con la fantasia, i più bei libri di viaggi e per i più piccini le suggestive Pillole di lettura, un susseguirsi di proposte mensili tra animali, piante, luoghi, stagioni e ricorrenze.  

Complessivamente sono state effettuate 7.435 ricerche, di cui 7.015 bibliografiche e 420 inerenti materiale manoscritto.   

Da segnalare il servizio di Libri da asporto, molto gradito agli utenti. Tale attività è stata effettuata grazie alla disponibilità e al supporto delle volontarie dell’Associazione Amici dell’Accademia, che per 5 pomeriggi tra novembre e dicembre (martedì 17, giovedì 19, martedì 24 novembre;  martedì 1 e giovedì 3 dicembre 2020), utilizzando il giardino di Palazzo Nagliati (sede della Sezione Ragazzi della Biblioteca dell’Accademia)  hanno consegnato 238 libri.    

Complessivamente, nel corso del 2020, i prestiti effettuati dalla Biblioteca sono stati 12.254, di cui 8.681 inerenti il Servizio  di Pubblica Lettura e  3.573 riguardanti  la Sezione Ragazzi della Biblioteca.  

Tra i libri più prestati dalla Biblioteca primeggiano i  romanzi  stranieri come  L’amica sconosciuta di Amy Gentry, Punizione di Elisabeth George, Quel che sa la notte di Amaldur Indrioason,  Il coltello di Jo Nesbo,  La ragazza italiana di Lucinda Riley,  La sentinella della pioggia di Tatiana de Rosnay, mentre tra gli italiani  i più richiesti sono stati,  Nella notte: una storia di potere di Concita De Gregorio, L’uomo del labirinto di Donato Carrisi, Dodici rose rosse di Maurizio De Giovanni, Morgana di Michela Murgia,  La versione di Fenoglio di Gianrico Carofiglio,  Sotto un cielo sempre azzurro di Andrea Vitali.

Inoltre, in un momento segnato dalle necessità di distanziamento fisico e attenzione alla tutela della salute, la biblioteca dell'Accademia dei Concordi ha deciso di offrire alla comunità di riferimento la possibilità di usufruire anche del prestito digitale. 

Non libri di carta ma libri digitali, che in questa situazione di emergenza hanno consentito però un'efficace modalità di connessione e prossimità.
Così, in accordo con il Sistema Bibliotecario Provinciale, si è aderito  al servizio Media Library On-Line (MLOL), prima rete italiana di biblioteche pubbliche, accademiche, scolastiche per il prestito digitale.Le porte virtuali sono così venute in aiuto a quelle fisiche, per garantire la fruizione culturale nell'emergenza e nella contingenza delle fasi successive, consentendo di aprire nuove prospettive su strumenti di lavoro, di sviluppo delle collezioni e dei servizi bibliotecari.

L’adesione a MLOL ha consentito, partire dal mese di maggio, di poter sperimentare il prestito digitale, utilizzando il servizio senza presentarsi fisicamente in biblioteca, scaricando gratuitamente ebook direttamente con un prestito online di 14 giorni e potendo fruire da remoto di risorse documentarie senza confini fisici e materiali. L’iniziativa è stata molto gradita dall’utenza, e sin dall’inizio ha registrato un buon numero di iscrizioni. 

Da maggio a dicembre 2020, gli accessi sono stati 3.810, le richieste di iscrizione sono state 258, i prestiti effettuati 448.

Tra i generi maggiormente oggetto di prestito digitale si segnalano: la narrativa moderna e contemporanea italiana e straniera, con particolare interesse per la narrativa di ambientazione storica, le biografie, il giallo,  il noir, il thriller e il romanzo rosa; a questi seguono argomenti inerenti la società e le scienze sociali, la salute e  lo stile di vita, la storia,  la matematica e le scienze, la letteratura e gli studi letterari, le arti,  la medicina e l’economia. 

Nella classifica degli ebook più presi a prestito dagli utenti iscritti nel 2020 predomina la presenza  soprattutto di bestseller sia italiani che stranieri, con l’eccezione del racconto delle esperienze di viaggio di Tiziano Terzani e con l’intramontabile classico della letteratura inglese “Grandi speranze” di Charles Dickens: Cambiare l'acqua ai fiori di Valérie Perrin; Il colibrì di Sandro Veronesi; Un indovino mi disse di Tiziano Terzani; Il quaderno dell'amore perduto di Valérie Perrin; La misura del tempo di Gianrico Carofiglio; La ricamatrice di Winchester di Tracy Chevalier; La versione di Fenoglio di Gianrico Carofiglio; Tamburi d'autunno di Diana Gabaldon; Grandi speranze di Charles Dickens; La vita bugiarda degli adulti di Elena Ferrante.

Le ricerche effettuate sul catalogo Open ad accesso libero e gratuito sono state 173; i media consultati sono stati 136.

Articolo di Giovedì 21 Gennaio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Spettacoli e Cultura

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it