Condividi la notizia

CORONAVIRUS

Sabato alla Casa Albergo saranno inaugurati i due tunnel degli abbracci

Gli incontri nella casa di risposo di Lendinara (Rovigo) avverranno in tutta sicurezza grazie alle nuove strutture gonfiabili, suddivise da una parete in poliuretano, completamente sanificabile, che impedisce qualsiasi contatto diretto

0
Succede a:

LENDINARA (Rovigo) – Sabato 23 gennaio alle 11 alla Casa Albergo sarà inaugurato il tunnel degli abbracci “… per riavvicinare gli anziani lontani dai loro affetti” perché un abbraccio rinfranca lo spirito ed ha effetti positivi sulla salute.

“Per questo, spiega il direttore Vittorio Boschetti, la Casa Albergo per Anziani si è dotata di due tunnel degli abbracci, per fare in modo che, dopo le lunghe settimane di lontananza e distanziamento a causa del Covid-19, i residenti ed i loro cari possano tornare a toccarsi, ad accarezzarsi ed a vedersi e parlare tra loro”.

Gli incontri, spiega la direzione, avverranno in tutta sicurezza grazie alle nuove strutture gonfiabili, suddivise da una parete in poliuretano, completamente sanificabile, che impedisce qualsiasi contatto diretto con eventuali agenti patogeni e consente di stringersi le mani, accarezzarsi ed abbracciarsi. I tunnel, che sono già stati consegnati e sono in fase di allestimento ed è già in corso anche la definizione di tutti i protocolli per la ripresa delle visite con le nuove modalità che, indicativamente, saranno avviate con il prossimo mese di febbraio.

Nel frattempo si conferma la progressiva diminuzione dei casi di positività riscontrati in struttura. Al 21 gennaio sono scesi a 10 casi tra i residenti ed a 4 tra il personale.

La struttura non è ancora Covid Free ma, ricorda la presidente Tosca Sambinello. grazie alla collaborazione con l’Azienda Ulss la situazione va migliorando.

A tal proposito, la numero uno della struttura lendinarese, commenta: “Abbiamo vissuto settimane molto dure ed impegnative ma il nostro personale si è speso con tutto il suo impegno e dedizione per assistere al meglio e per garantire le cure più adeguate ed appropriate ai nostri residenti e la Casa guarda già al futuro”.

Come? “Con due importanti progetti, ha risposto la Sambinello, innanzitutto, ricostruendo le modalità di relazione e socializzazione per una vera ripresa della vita all’interno della Casa, che, in queste settimane, è stata comunque fortemente compressa e limitata e che sicuramente non potrà riprendere semplicemente con le modalità precedenti alla pandemia”. Per questo la Casa Albergo sta riprogrammando le sue attività per consentire ai residenti di riallacciare i rapporti con i loro cari.

Un ulteriore impegno, precisa la presidente “è quello di riorganizzare gli spazi della struttura, soprattutto quelli che, con la pandemia, hanno fatto rilevare i maggiori elementi di criticità, garantendo le giuste distanze interpersonali, aumentando la sicurezza e migliorando i servizi per i residenti”.

Tutto il Consiglio di Amministrazione lancia quindi un appello alla comunità locale e al mondo imprenditoriale del territorio, conclude la Sambinello: “Perché ovviamente questi progetti comportano dei costi, che vanno a sommarsi alle spese straordinarie ed alla contrazione di ricavi generati dal blocco del turnover per l’emergenza coronavirus. Ogni aiuto, anche il più modesto, può essere vitale per garantire gli standard di qualità della nostra struttura e per il miglioramento dei servizi che intendiamo offrire. Ringraziamo quanti hanno già contribuito in questi mesi, persone e realtà del nostro territorio ed, in particolare, il nostro Sindaco e tutta l'Amministrazione del Comune Lendinara, che hanno destinato contributi straordinari di denaro o gesti concreti per sostenere Casa Albergo per Anziani nello sforzo che ha sostenuto”.

Ugo Mariano Brasioli

Articolo di Venerdì 22 Gennaio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it