Condividi la notizia

LAVORI PUBBLICI

Il Comune ha ottenuto quasi 90 mila euro di contributi 

49 mila euro per la messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico, e 39 mila e 500 euro per la viabilità, ottenuti dal Comune di Arquà Polesine (Rovigo) per lavori già progettati

0
Succede a:

ARQUÀ POLESINE (Rovigo) - L'assessore ai Lavori pubblici Enrico Serafin annuncia che l’Amministrazione Comunale di Arquà Polesine è risultata assegnataria di due contributi a fondo perduto, in base alla legge 27 dicembre 2019 n. 160 e Smi, che disciplina l’assegnazione di contributi agli enti locali per la spesa di progettazione definitiva ed esecutiva, relativamente ad interventi di messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico e ad investimenti di messa in sicurezza stradale.

Gli importi ricevuti per la progettazione definitiva ed esecutiva sono di 49.000 euro per la messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico e di 39.500 euro  per la messa in sicurezza stradale.

Per quanto riguarda la messa in sicurezza del territorio a rischio idrogeologico, l’Amministrazione Comunale ha già fatto eseguire uno studio di fattibilità per l'area delle Granze e la zona urbanizzata di via M. G. Sichirollo, Papa Giovanni XXIII, via San Vincenzo, via Bassa Dossello e via Lago.

I lavori dei privati nella zona delle Granze sono quasi completati, grazie allo scavo di nuove scoline e il risezionamento di quelle esistenti. Il contributo assegnato sarà utilizzato per la progettazione definitiva ed esecutiva della nuova linea delle acque bianche di via Pascolata e per gli interventi necessari nelle predette vie del centro paese.

Per la messa in sicurezza stradale, invece, verrà avviata la progettazione definitiva ed esecutiva di una serie di interventi nelle quattro vie che partono dal municipio comunale, ossia: via XX Settembre, via Roma, via G. Garibaldi (rotatoria compresa) e via Quadrivio del Popolo.

La progettazione comprenderà anche il collegamento ciclabile del centro con le frazioni di Cornè e Granze lungo via Bassa Cornè, e alcuni interventi sul collegamento ciclopedonale del centro con la frazione di San Marco assieme alla razionalizzazione dell’area antistante la chiesetta.

“L’obiettivo dell’Amministrazione è quello di avere la disponibilità dei progetti in breve tempo. Saranno suddivisi in stralci - evidenzia il vicesindaco Serafin - e realizzati con singoli interventi, mediante fondi derivanti da bandi o propri. I progetti forniranno una visione complessiva e saranno collegati da un filo conduttore che li renderà omogenei”.

 

Articolo di Venerdì 5 Febbraio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it