Condividi la notizia

CORONAVIRUS

Covid-19: Il Veneto ha la potenzialità di vaccinare 1 milione di persone al mese

Di questo passo ci vorranno due anni per vaccinare la popolazione del Veneto, per questo bisogna fare in fretta. Gli aggiornamenti del governatore Luca Zaia e del dottor Luciano Flor, dal 31 dicembre ad oggi negli Ospedali si sono liberati 2 mila posti

0
Succede a:
Luca Zaia e il dottor Luciano Flor

MARGHERA (Venezia) - “Con le attuali forniture di vaccino ci vorranno due anni, se avessimo a disposizione tutte le dosi il Veneto sarebbe in grado di vaccinare 1 milione di persone al mese, in quattro mesi tutta la popolazione della Regione”. Queste le parole del dottor Luciano Flor, il numero uno della sanità Veneta ha fatto un’analisi della situazione al fianco del governatore Luca Zaia. 

27 milioni di dosi in ballo, questa l’offerta arriva al Veneto, ma il dottor Flor è stato chiaro, solo quelli certificati arriveranno, se sarà possibile acquistarli. Il problema vaccini è essenziale, prima si immunizzerà la popolazione, e prima ripartirà l’economia, e non è difficile da capire. Problema forniture che sta diventando un grosso dilemma, in Israele hanno già toccato con mano cosa significa vaccinare, la mortalità è crollata, la diffusione del virus si è quasi azzerata, un successo. Si sono mossi per tempo, l’Europa no. 

Intanto il Covid-19 in Veneto ha allenato la presa, 2000 posti letto occupati in meno dal 31 dicembre ad oggi (17 febbraio), numeri impressionanti che danno la dimensione della velocità del virus.

“Siamo stati in fascia 5 A e 5B, oggi siamo ampiamente in fascia 2, ma teniamo altissima l'attenzione, continuiamo a fare tamponi, contact tracing e monitoraggio delle scuole. La fase in cui siamo è positiva, non lo eravamo da ottobre, ma non abbassiamo la guardia e continuiamo a vaccinare. La media di adesioni ultraottantenni è tra l'80% e il 90% per cento”.

La trattativa sui vaccini vera e propria ancora non è partita. “A chi ci chiede soldi prima o non ci dà un minimo di garanzie, non viene nemmeno preso in considerazione. Abbiamo ricevuto una ventina di email - ha sottolineato il dottor Flor - a sei di questi abbiamo risposto chiedendo se il vaccino c'è davvero e in quanto tempo si è disposti a consegnarli e quanto costa. A due di questi che ci hanno risposto in modo dettagliato e a questi  abbiamo chiesto il numero di lotto e la scadenza per avere certezza della fornitura, una volta che l'avremo, la gireremo al commissario Arcuri. Noi non abbiamo iniziato a trattare perché la negoziazione ci sarà solo dopo l'autorizzazione formale a procedere”.

Intanto in Veneto il calo della diffusione del virus è costante da 50 giorni. Sono 492 i positivi registrati nelle ultime 24 ore, l'1,26% dei tamponi fatti. I positivi di oggi sono 23.378 e i ricoverati sono 1.470 (134 in terapia intensiva) . 70 i decessi nelle ultime 24 ore, in totale è di 9.621 da inizio pandemia.

“Abbiamo vaccinato 250mila persone, 108mila hanno concluso la seconda dose. Ieri abbiamo fatto 6mila vaccinazioni, ma avremo la possibilità di farne molti di più. Se avessimo i magazzini pieni di vaccini, da qui all'estate potremmo dichiarare il Veneto Covid-free” ha evidenziato Luca Zaia. “Sull’acquisto di vaccini abbiamo la collaborazione dei colleghi di Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Trentino Alto Adige e Marche”, il Veneto non è il solo a cercarli. 

 

 

 

Articolo di Mercoledì 17 Febbraio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it