Condividi la notizia

NOMINA ADRIA

Gino Spinello: "Cristiano Roccato non può essere componente del Cda della Fondazione Mecenati"

Le regole dello statuto sono chiare per il consigliere comunale di Adria (Rovigo), che chiede la revoca della nomina di tale componente, vista la sua non residenza ad Adria

0
Succede a:
ADRIA (Rovigo) - "Omar Barbierato si è assunto pesanti e personali responsabilità con la firma del decreto del 18 febbraio scorso con il quale nomina il nuovo consiglio di amministrazione della Fondazione
“Ferrante e Rosita Mecenati”. Così il consigliere comunale Sandro Gino Spinello dopo la nomina del nuovo Cda della fondazione Mecenati di Adria (LEGGI ARTICOLO).

"L'articolo 5 della statuto della Fondazione impone, in maniera inequivoca, che uno dei requisiti richiesti ai componenti del consiglio è di “essere residenti ad Adria”. Uno dei nominati, Cristiano Roccato, non risulta essere residente ad Adria".

"Ulteriormente grave è stato il comportamento del sindaco perchè io stesso, inviandogli una mailpec del 2 febbraio scorso, l'avevo avvertito di verificare il requisito della residenza dei componenti prima di procedere alla loro nomina".

Proseguendo: "Nelle prossime ore, inoltrerò, unitamente ad altri consiglieri di minoranza, una formale intimazione di procedere alla revoca, in regime di autotutela, dell'atto di nomima di Cristiano Roccato in
quanto palesemente difforme dalle regole indicate dallo statuto della Fondazione e dalle volontà testementarie della signora Rosita Lusardi ved. Mecenati. E' un incompresibile atto forza che merita, perciò , risposte adeguate".

"Infatti, la richiesta di revoca in autotutela dell'atto sarà inviata anche al Prefetto di Rovigo, alla direzione “Enti Locali” - Ufficio Persone Giuridiche della Regione Veneto e alla Procura della Repubblica di Rovigo .
Qualora il sindaco volesse ulteriormente tirare dritto, siamo pronti ad impugnare legalmente l'atto, con legittima rivalsa delle spese legali sostenute. E' stata nominata nel Cda della Mecenati, con lo stesso Decreto, la consigliera comunale, Prof.Graziella Bovolenta che i rumors danno come nuova Presidente".

Concludendo: "Anche in questo caso, il 3 febbraio scorso attraverso una mailpec ho sottolineato al sindaco e al segretario generale, che secondo il mio parere, la prof. Bovolenta non avrebbe potuto svolgere contemporaneamente il ruolo di consigliere comunale e quello di membro della Fondazione, tanto più se fosse stata nominata Presidente. La mia convinzione nasce dal fatto che lo stesso comune di Adria è benificiario del lascito Mecenati in base all'articolo 2 dello Statuto e l'art. 10 prevede che tutti gli atti della gestione patrimoniale della Fondazione siano sottoposti alla vigilanza di una Commissione presieduta dal sindaco cioè dall'amministrazione comunale stessa; sarebbe il classico caso di controllato e controllore vietato dalla legge".
Articolo di Domenica 21 Febbraio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it