Condividi la notizia

PARITA’ DI GENERE

Un accordo contro la discriminazione nei luoghi di lavoro 

Protocollo d’intesa tra l’ufficio della consigliera di Parità della Provincia di Rovigo e l’ispettorato territoriale del lavoro 

0
Succede a:

ROVIGO – E’ stato firmato un protocollo d’intesa tra la Consigliera di Parità della Provincia di Rovigo Loredana Rosato e il direttore dell’Ispettorato territoriale del Lavoro Fabio Vernaglione per una collaborazione sul tema delle discriminazioni di genere nel mondo del lavoro.

Il protocollo, siglato presso l’Ispettorato del Lavoro di Ferrara-Rovigo sede di Rovigo, prevede una serie di impegni a partire dalla tutela antidiscriminatoria in favore delle lavoratrici e dei lavoratori attraverso un reciproco scambio di informazioni volto ad individuare potenziali fenomeni di discriminazione diretta ed indiretta. Le parti firmatarie si impegnano ad organizzare congiuntamente attività di informazione, sensibilizzazione e formazione per il personale ispettivo, le associazioni datoriali, le organizzazioni sindacali, gli enti bilaterali, gli ordini professionali e le istituzioni presenti sul territorio sui temi dell’uguaglianza di genere e delle pari opportunità.

Il protocollo prevede anche l’attivazione, già a partire dai primi giorni di marzo, presso la sede dell’Ispettorato di Rovigo di uno sportello denominato “Donne e Lavoro” al quale potranno rivolgersi con immediatezza le lavoratrici che ritengono di essere vittime di discriminazioni in ambito lavorativo.

L’accordo prevede una serie di azioni pratiche con particolare riguardo alle convalide delle dimissioni delle lavoratrici madri e i lavoratori padri entro i primi tre anni di vita del figlio, ex art. 55 del D. Lgs. 151/2001. In questi casi i funzionari dell’Ispettorato pongono particolare attenzione alle motivazioni addotte al momento delle dimissioni, prive molto spesso della spontaneità, che possono celare discriminazioni imputabili alla mancata conciliazione dei tempi lavoro famiglia, cambi di mansione, rifiuto del part-time, etc., tanto da essere segnalate, previo consenso delle persone interessate, alla consigliera di parità.

Un documento stipulato in piena emergenza Covid che sta portando alla luce le difficoltà della madre lavoratrice che, per poter conciliare la sua attività con le necessità familiari, è costretta a ricorrere ai congedi previsti dalla legge o, come purtroppo sta sempre più accadendo, alle dimissioni rinunciando al lavoro e alla sua progressione in carriera.

 

Articolo di Venerdì 26 Febbraio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it