Condividi la notizia

CULTURA

Lo sblocco dei fondi per il recupero del museo è vicino

Grazie all’onorevole Antonietta Giacometti lo sblocco degli 800mila euro per i Baruffaldi di Badia Polesine (Rovigo) sono alla firma di Draghi

0
Succede a:
Antonietta Giacometti

BADIA POLESINE (Rovigo) - Il 17 febbraio scorso, a margine del voto di fiducia alla Camera del governo Draghi, approfittando del clima creatosi con il varo dell’inedita compagine governativa delle larghissime intese, l’onorevole Antonietta Giacometti ha avvicinato il ministro Dario Franceschini per sollecitare la firma che sbloccherebbe l’erogazione degli 830mila euro indispensabili per il completo recupero del museo ‘Baruffaldi’.

Grazie al gioco di squadra messo in campo con l’amico Vittorio Sgarbi, la convenzione per l’erogazione della somma, stando alle rassicurazioni ricevute dal Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo, sarebbe finalmente giunta sul tavolo di Mario Draghi. Un passaggio fondamentale per ottenere l’erogazione.

“È una notizia importante per Badia, commenta compiaciuta la Vicesindaco, anche perché stiamo aspettando da troppi anni che il contributo arrivi a destinazione”.

Vale la pena ricordare, infatti, che gli 830mila euro, messi a disposizione del Comune altopolesano fin dal 2018 nell’ambito degli stanziamenti ministeriali per il progetto "Bellezze@-recuperiamo i luoghi culturali dimenticati", per la mancata firma governativa sulla convenzione, non sono mai arrivati nelle casse comunali.

C’è da aggiungere che l’erogazione è fondamentale poiché, senza la soluzione in tempi ragionevoli della riqualificazione del museo civico e il conseguente previsto trasloco nella nuova sede, Badia rischierebbe di perdere la preziosa “quadreria” della collezione Balzan, ora ubicata nel ridotto del teatro Sociale con accesso da via Danieli.

“Sarebbe una perdita immensa per la nostra comunità, commenta la Giacometti, ma per fortuna durante la sua recentissima visita in quel di Badia (LEGGI ARTICOLO) Vittorio se n’è innamorato, mettendo in campo tutta la sua autorevolezza e le sue conoscenze per risolvere il problema”.

“Oggi, aggiunge compiaciuta l’onorevole vicesindaco, con la nomina di Lucia Borgonzoni, in quota Lega, a sottosegretario di Stato al Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, possiamo anche contare su un’alleata in più”.

Ugo Mariano Brasioli

Articolo di Martedì 2 Marzo 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Spettacoli e Cultura

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it