Condividi la notizia

CORONAVIRUS

Piano vaccinale in frantumi, gente rimandata a casa

A Lendinara centro vaccinale chiuso dopo lo stop di AstraZeneca, a Rovigo insegnanti rispediti a casa, mentre attendevano di ricevere il vaccino

0
Succede a:

LENDINARA (Rovigo) – L’allarme suscitato a livello internazionale e nazionale ha prodotto i suoi pesanti effetti anche in Polesine, dove giovedì scorso era stato disposto il divieto di utilizzo per tutti i lotti di vaccino AstraZeneca e ancor più dopo la decisione nel primo pomeriggio di ieri dall'Aifa (LEGGI ARTICOLO).

I lotti Astrazeneca sospesi in via precauzionale in Polesine sono: ABV2856, ABV2856, ABV4678 e ABV5811.

Resta invece confermate le vaccinazioni con Pfizer e Moderna che, in attesa degli sviluppi delle verifiche in corso,  al momento rimangono gli unici vaccini disponibili. L’obiettivo di raggiungere la copertura di tutti i soggetti con 80 e più anni in provincia di Rovigo entro la prima settimana di aprile parrebbe perciò ancora raggiungibile, nonostante gli inevitabili problemi organizzativi per l'Ulss Polesana, costretta a rivedere i propri piani ed a far fronte alla preoccupazioni di chi ha ricevuto il vaccino in questione e di chi, invece, teme di veder svanire la possibilità di vaccinarsi.

Conseguentemente, lunedì 15 marzo in tarda serata, è stato comunicato che anche al centro di vaccinazione di Lendinara, che teoricamente da domani a sabato avrebbe dovuto ospitare la somministrazione di dosi AstraZeneca al personale scolastico, resterà chiuso.

E’ il caos. A Rovigo, dei docenti in fila in attesa del vaccino, nel pomeriggio di lunedì, dopo la sospensione precauzionale di AstraZeneca, sono stati rispediti a casa.   

UMB

Articolo di Martedì 16 Marzo 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it