Condividi la notizia

LAVORO

Amazon: La Cisl chiede quali criteri vengano usati per i rinnovi dei contratti

La Cisl Padova Rovigo chiede più etica nella gestione dei rapporti di lavoro dopo le segnalazioni giunte dagli occupati nel colosso della logistica tra San Bellino e Castelguglielmo

0
Succede a:

ROVIGO - “A fronte dei roboanti annunci dell’azienda sul suo impegno verso la stabilizzazione del lavoro, noi continuiamo a ricevere segnalazioni da parte dei lavoratori di Amazon che si rivolgono a noi per capire se esiste un sistema di valutazione al quale rifarsi per sperare di essere riconfermati. Persone che ritengono di aver lavorato con impegno e con profitto, che spesso vengono da altre province e si sono organizzate per continuare a lavorare nel nostro territorio e che non hanno diritto ad alcuna motivazione per la cessazione del contratto. Siamo convinti che la gestione del personale non debba rispondere soltanto a logiche di profitto e a norme di legge, ma anche ad un codice etico basato sul rispetto della persona”.

Sono le parole di Francesca Pizzo della Segretaria territoriale della Cisl Padova RovigoVoglio citare il caso di un lavoratore con contratto a termine che sabato scorso ha avuto un problema di salute e ha chiamato il numero verde dell’azienda per avvertire che non sarebbe potuto andare al lavoro. Essendo capitato di sabato, non è riuscito a fornire la documentazione idonea e per questo motivo è stato oggetto di una contestazione disciplinare, nonostante il suo contratto scadesse dopo soltanto una settimana. C’è da chiedersi che senso abbia una decisione simile da parte dell’azienda, che non è stata per nulla danneggiata dal comportamento del lavoratore, essendo stata avvertita per tempo della sua assenza. Ora questa persona si chiede se quella contestazione disciplinare possa avere influito sulla sua possibilità di essere riassunta”.

Ma purtroppo è una cosa che si chiedono migliaia di lavoratori, legati alle agenzie di somministrazione che non possono che rispondere alle indicazioni dell’azienda committente e che quindi lavorano su numeri e non su persone. Numeri che spesso sono ingannevoli: quando si parla di contratti stipulati non si parla di persone. Il saldo positivo nell’occupazione andrebbe confrontato con la quantità di ore che ogni lavoratore ha prodotto. Vorremmo sapere se esistono dei criteri e dei parametri certi - chiede Francesca Pizzo - in virtù dei quali una persona può aspettarsi di essere lasciata a casa o di vedere riconfermato il proprio posto di lavoro. Vorremmo che se questo sistema di valutazione esiste venga reso esplicito, perché c’è un’etica anche nel raggiungimento di un obiettivo di efficienza e quando si parla di persone bisognerebbe tenerne conto”.

Articolo di Mercoledì 14 Aprile 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it