Condividi la notizia

CALCIO SERIE D

Mattiazzi: "Una grande soddisfazione vincere il derby". Gherardi: "Tanta amarezza per una partita finita male" [FOTO]

Il morale dell'allenatore granata, dopo il derby vinto, è alle stelle per il risultato ottenuto, mentre il mister deltino specifica che comunque i suoi giocatori hanno fatto bene e il pareggio era il risultato giusto (Rovigo)

0
Succede a:
Mattiazzi (Adriese) e Gherardi (Delta)
ADRIA (Rovigo) - Tanta la soddisfazione in casa granata per una vittoria arrivata allo scadere del tempo e che ha visto comunque un buon gioco da parte della squadra adriese durante tutta la sfida. Sicuramente il colpo finale di Kabine ha dimostrato che quest'Adriese è sempre viva e che fino alla fine ci ha creduto per ottenere i tre punti. 

"Noi ci abbiamo sempre creduto - spiega il mister dell'Adriese, Gianluca Mattiazzi - in quanto anche venerdì, quando abbiamo saputo che Colman Castro sarebbe mancato, siamo riusciti a fare il massimo e mettere in campo una formazione di tutto rispetto, con Addolori che ha fatto una partita eccezionale nella posizione di centrale". 

LEGGI LA CRONACA DI ADRIESE - DELTA - FOTO - VIDEO 

"Credo che il primo tempo sia stato a nostro favore e i due gol del Delta sono stati nostri errori che potevamo tranquillamente evitare". "42 punti non vogliono dire salvezza, ci manca un'altra vittoria e poi possiamo sentirci tranquilli; in ogni caso sono sei risultati utili consecutivi dopo la sconfitta in nove contro unidici con l'Arzignano, quindi stiamo dimostrando la nostra forza ancora una volta". 

Successivamente è l'allenatore del Delta Porto Tolle, Enrico Gherardi, a chiarire: "C'è sicuramente tanta amarezza per una partita che poteva finire in parità". "Per me è come fosse un 2 - 2 visto che l'ultimo gol potevamo evitarlo, ma alla fine è andata a finere nel modo che hanno visto tutti". "Dispiace perchè è stata una partita equilibrata e dove abbiamo comunque detto sempre la nostra". 

"Adesso guardiamo avanti alle sfide di recupero che ci aspettano, in quanto il ritmo per noi non cambia, dato che abbiamo sempre giocato e continueremo a giocare tre volte a settimana". "I ragazzi stanno bene e dobbiamo proseguire sul nostro percorso". 
Articolo di Domenica 18 Aprile 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it