Condividi la notizia

LA PROTESTA

No al blocco sfratti dall'Ape-Confedilizia di Rovigo

Il titolo della manifestazione è “Maratona per la libertà – No al blocco degli sfratti” e si terrà mercoledì 21 aprile con una maratona oratoria online sui canali social di Ape-Confedilizia

0
Succede a:

ROVIGO - Come preannunciato sui canali “social” (Facebook, Twitter, Linkedin), Confedilizia ha organizzato per mercoledì 21 aprile, a partire dalle  ore 10, una “maratona oratoria”  on line – con diretta Facebook, Twitter e Youtube – sulla questione del blocco degli sfratti, con interventi di giornalisti, politici, studiosi, rappresentanti di associazioni di categoria, Dirigenti di Confedilizia e singoli proprietari, che si susseguiranno sino al tardo pomeriggio.

Il titolo della manifestazione è “Maratona per la libertà – No al blocco degli sfratti”.

Si tratta di un’iniziativa finalizzata a portare con forza all’attenzione dell’opinione pubblica un problema che sta preoccupando da ormai più di un anno i proprietari immobiliari,  ma che deve continuare ad essere portato all'attenzione dell'opinione pubblica, per far sì che il Governo e il Parlamento abbiano chiara l’entità dei danni che questa misura sta causando a migliaia di proprietari.

Per Ape Confedilizia  interverrà Paolo Mercuri, presidente dell’associazione di Rovigo e provincia e vice presidente Regionale: "E' giunto il momento di interrompere la sospensione della esecuzione degli sfratti, che costituisce  un’inaccettabile violazione dei diritti dei proprietari e lede diritti costituzionali, e che sta esasperando migliaia di famiglie, non più in grado di sostituirsi allo Stato e ai Comuni nell'assistenza agli inquilini in difficoltà, sostenendo in aggiunta spese e tasse per immobili che il governo ha sottratto alla loro disponibilità facendo carta straccia di sentenze ottenute dopo anni di mancati pagamenti e costosi contenziosi. Talvolta sono gli stessi proprietari che si trovano senza una casa in cui poter abitare perchè occupata dall'inquilino moroso, in molti casi pure in presenza di rate di mutuo da pagare e spesso con la beffa di dover sostenere le spese condominiali a carico degli inquilini morosi."

"Con riguardo al caso simile - ma assai meno eclatante - della sospensione delle procedure esecutive immobiliari sulla prima casa il Tribunale di Rovigo in persona del dottor Giulio Borella, ha rimesso alla Corte Costituzionale la questione di legittimità della norma che prevede la sospensione, ravvisando la violazione di numerosi principi costituzionali che tutelano la proprietà privata, il risparmio, l'accesso alla giustizia per la tutela dei propri diritti e la ragionevole durata del processo, principi tutti che si ritengono violati anche dalla sospensione delle procedure esecutive di rilascio degli immobili locati".

La "Maratona" sarà visibile in diretta streaming dalle pagina Facebook di Confedilizia Rovigo e della Confedilizia Nazionale.

Articolo di Martedì 20 Aprile 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it