Condividi la notizia

SINDACATI

Tmb. Accordo sul contratto integrativo con Fim, Fiom e Uilm

La Fim Cisl Padova Rovigo esprime soddisfazione per l’accordo raggiunto tra Fim-Fiom-Uilm Territoriali, le Rsu aziendali e la direzione della Tmb Spa per lo stabilimento di Ceregnano

0
Succede a:

ROVIGO - La Fim Cisl Padova Rovigo esprime soddisfazione per l’accordo raggiunto tra Fim-Fiom-Uilm Territoriali, le Rsu aziendali e la direzione della Tmb Spa, sul nuovo contratto integrativo aziendale per lo stabilimento di Ceregnano. Tmb Spa è oggi un’azienda del settore metalmeccanico fortemente radicata nel territorio e con un importante numero di occupati (circa 900), tra gli stabilimenti di Ceregnano e Monselice.

“L’accordo – commenta Nicola Panarella, segretario generale della Fim Cisl Veneto – è fortemente innovativo e rappresenta un vero e proprio cambio di passo, non solo per la parte economica, ma anche e soprattutto per quella normativa. Il contratto aziendale non rappresenta una novità in sé per la Tmb, una delle più importanti realtà produttive del settore e con una storia consolidata di contrattazione nello stabilimento di Ceregnano, dove è occupata la maggior parte dei dipendenti. La speranza in futuro è di poter estendere l’accordo anche allo stabilimento di Monselice”.

Il contratto prevede permessi per i padri che assistono figli disabili, aggiuntivi rispetto a quelli previsti dalle attuali normative, permessi di paternità per la cura dei figli fino a 13 anni, aspettative brevi sempre per il sostegno alla maternità e paternità. Un’attenzione particolare è riservata alle pari opportunità con l’attivazione di progetti specifici per la valorizzazione della professionalità femminile, investimenti nello sviluppo della cultura digitale a tutti i livelli, la possibilità di prolungare lo smart working anche dopo l’emergenza Covid e l’istituzione di una “banca ore etica” mediante la quale ciascun dipendente potrà donare, su base volontaria, una parte delle proprie ore accantonate a colleghi che ne hanno bisogno per assistere familiari o per problemi di salute.

Dato che l’età media dei dipendenti è in progressivo aumento, un paragrafo è dedicato all’invecchiamento attivo e prevede l’avvio di uno studio per individuare soluzioni alle problematiche lavorative degli over60. Per avvicinare i giovani al mondo del lavoro, infine, oltre all’utilizzo delle varie tipologie del contratto di apprendistato saranno sperimentati altri strumenti come l’alternanza scuola-lavoro e lo stage di inserimento.

La parte economica prevede un premio di risultato con un valore incrementato rispetto ai precedenti accordi, inoltre conferma tutte le indennità aggiuntive per i turni di notte, gli straordinari e l’attività in reparti particolari come la fonderia, già previste dalla contrattazione precedente.

“La Tmb è una realtà produttiva importante – aggiunge Panarella – uscita bene dalla crisi del 2009/2010 e che ora sta uscendo bene dall’emergenza Covid, anche grazie alle relazioni sindacali positive che l’hanno caratterizzata negli ultimi dieci anni e che ci hanno permesso di raggiungere un accordo particolarmente innovativo soprattutto per la parte relativa al welfare”.

Articolo di Giovedì 29 Aprile 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it