Condividi la notizia

FORZA ITALIA

Antonio Tajani a Rovigo: "Senza impresa non c'è lavoro. Si perde dignità e la libertà" [VIDEO]

Il vice di Silvio Berlusconi in visita in città. Il presidente della Provincia gli fa incontrare il mondo del lavoro, dopo una visita a Palazzo Roverella il saluto alla grande azienda Irsap di Arquà Polesine

1
Succede a:
ROVIGO - Il ragionamento di Antonio Tajani è semplicissimo: l'impresa genera lavoro e produce reddito. Senza lavoro non c'è dignità e senza reddito non si è liberi. L'esempio portato dal vicepresidente di Forza Italia è lampante: due ragazzi, il primo vive con la paghetta dei genitori, il secondo dispone di una somma personale guadagnata lavorando onestamente. Chi è più libero? Chi può pensare al proprio futuro? Chi dei due contribuirà maggiormente all'economia del Paese?


"Siamo qui per Forza Italia, le scaramucce in Comune a Rovigo tra le liste di maggioranza non ci interessano - afferma il coordinatore regionale del Veneto degli azzurri Michele Zuin che, con il suo vice, Piergiorgio Cortelazzo, hanno organizzato la visita in provincia di Rovigo grazie all'aiuto del presidente della provincia Ivan Dall'Ara e del coordinatore vicario Andrea Bimbatti.

"La presenza di Forza Italia al governo ha segnato il cambio di passo, le differenze tra il prima, i due governi Conte, ed ora, con il governo Draghi, è sotto gli occhi di tutti" ha affermato il vice presidente di Forza Italia Antonio Tajani ricordando come l'idea di sostenere il premier incaricato con un governo di unità nazionale sia arrivata proprio da Silvio Berlusconi "primo leader di governo ad aver invitato sotto lo stesso tetto l'allora presidente americano e quello russo".


"Una battaglia da vincere al più presto riguarda lo spostamento del coprifuoco, dalle 22 ad almeno le 23 e la riapertura di tutte le attività, soprattutto quelle più colpite, il turismo, lo sport, gli eventi" ha promesso Tajani in Provincia di Rovigo dove è stato accolto in maniera istituzionale dal presidente Ivan Dall'Ara e da un rappresentanza sindacale del mondo del lavoro. Dopo una visita a Palazzo Roverella e due passi tra le piazze, Tajani si è recato in visita ad una delle aziende che rappresenta la provincia di Rovigo nel mondo, l'Irsap di Arquà Polesine.

La preoccupazione per il rappresentante di Forza Italia è tutto per il termine del blocco dei licenziamenti nelle aziende: "8 miliardi subito ai settori che sono stati costretti a chiudere. Hanno compiuto un sacrificio enorme a tutela della salute pubblica. Meritano di essere aiutati, dobbiamo impedire che centinaia di migliaia di lavoratori rimangano senza occupazione per la crisi".

Aiuti e semplificazioni per far ripartire l'edilizia attraverso la rigenerazione urbana, la riqualificazione dell'esistente, sarà il motore dei lavori da qui ai prossimi anni. "Ricordatevi - afferma Tajani - che come dice il nostro presidente Berlusconi, quando riparte l'edilizia, riparte l'Italia" di fronte al presidente di Ance Veneto, il trecentano Paolo Ghiotti. "No all'Irap, l'imposta rapina, nessuna patrimoniale, una pace fiscale che incentivi il rientro dei capitali in Italia" le proposte più urgenti di Forza Italia in materia di riforme.

Al termine della visita il presidente della Provincia Dall'Ara ha affidato ad Antonio Tajani il dossier relativo alla volontà di localizzare il nuovo tribunale all'interno dell'ex caserma Silvestri di via Gattinara (LEGGI ARTICOLO). A stretto giro le risposte del Ministro della Giustizia a cui Tajani presenterà il problema.

 
Articolo di Giovedì 6 Maggio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it