Condividi la notizia

NUOVO TRIBUNALE ROVIGO

Dall'Ara a Tajani: "Perchè fare spendere di più allo Stato per il nuovo tribunale? L'area dell'ex caserma Silvestri sarebbe perfetta"

Formalizzata da parte della Provincia la richiesta di rivalutazione dell'area individuata dal Mef per l'Agenzia delle Entrate e dal Ministero di Giustizia per il nuovo tribunale di Rovigo e Bassapadovana

0
Succede a:
ROVIGO - Dopo una telefonata al sottosegretario alla Giustizia Paolo Sisto, in cui si rappresentava l'urgenza per esaminare una proposta alternativa di collocazione del nuovo tribunale di Rovigo, il presidente della Provincia Ivan Dall'Ara ha consegnato un dossier dei fatti a lui noti ad Antonio Tajani, in visita a Rovigo (LEGGI ARTICOLO), suggerendo di rivedere la scelta operata dal Mef sull'ex caserma Silvestri di Rovigo.

"Dopo anni di discussioni e di tavoli ufficiali convocati dal presidente del tribunale, sembra che la soluzione trovata mantenga una divisione del palazzo di giustizia, scelta migliorativa rispetto all’attuale, ma sicuramente non la migliore, soprattutto non quella che garantirebbe una razionalizzazione non solo delle risorse, ma anche dei vuoti urbani che già insistono in città e soprattutto senza il minimo consumo di suolo" scrive il presidente Dall'Ara nel documento che accompagna la richiesta.

"La soluzione per noi ottimale, ma condivisa da tutta la città, è la ex caserma Silvestri, attualmente di proprietà del Demanio Pubblico dello Stato dove il Mef avrebbe pensato di trasferire gli uffici dell’Agenzia dell’Entrate e dell’Archivio Notarile, con un investimento di ben 33 milioni di euro (LEGGI ARTICOLO).

Premesso che tali uffici troverebbero tranquillamente altre soluzioni sempre nel centro della città, la scelta di trasformare la ex caserma Silvestri in “cittadella della giustizia”, garantirebbe un minor esborso economico per lo Stato, un accorpamento di tutte le funzioni del palazzo di giustizia compresi Procura e giudici di pace, ha una viabilità che consente di muoversi senza criticità, è in sicurezza grazie alle recinzioni ancora in ottimo stato della caserma, garantirebbe tra i 500 e 600 parcheggi interni per personale, giudici, avvocati e anche utenti, è a 250 metri dalle piazze quindi garantirebbe un equilibrio economico ad una città che già è in acuta sofferenza.

Le altre soluzioni proposte prevedono da un lato l’acquisto di altri immobili, che invece andrebbero impiegati solo per ristrutturare e dall’altro non garantiscono di accorpare in un’unica struttura tutti gli uffici del palazzo di giustizia.

Ecco perché il consiglio provinciale di Rovigo, all’unanimità, ha chiesto di impegnare il suo presidente, per tramite di tutti i rappresentanti delle istituzioni nazionali, affinché si possa convincere il Mef a rivedere la scelta di utilizzo della ex caserma Silvestri, utilizzando quei 33 milioni (che aggiunti ai circa 18 previsti per il nuovo tribunale) sarebbero abbondantemente sufficienti per ristrutturare ed ammodernare la ex caserma Silvestri ed anche adattare altri edifici affinché possano ospitare l’Agenzia delle Entrate.

Per ben definire il quadro riteniamo utile significare che la preoccupazione del territorio è quella di perdere anche i 33 milioni di investimento a fronte dell’incertezza dimostrata anche dalle amministrazioni comunali che si sono succedute, e dove l’ultima solo in ordine di tempo propenderebbe per una soluzione fuori dal centro storico con l’acquisto di un immobile di proprietà Banca d’Italia.

Nella nostra fattispecie, anche se sembra incredibile visti i tempi, in accordo con il consiglio comunale di Rovigo, il problema non sussisterebbe tanto nel reperire risorse per ritrovare un equilibrio urbanistico e funzionale ai servizi della città, ma proprio nel riuscire a veicolarle nel modo migliore, avendo assunto che l’amministrazione pubblica ha deciso di investire a Rovigo stanziando già svariati milioni di euro.

La nostra richiesta è quindi finalizzata ad un suo autorevole intervento presso il Mef - scrive Dall'Ara a Tajani - e contestualmente presso il Ministero della Giustizia, affinché si possa riprendere in considerazione con finalità diverse l’utilizzo della ex caserma Silvestri, rivalutando contestualmente la riallocazione degli altri uffici, così da soddisfare le esigenze del governo centrale, ma garantendo anche un minor dispendio di risorse pubbliche e soprattutto la soddisfazione di un’esigenza sentita e voluta dal territorio, che garantirebbe un importante servizio di qualità anche ad una parte della Provincia di Padova".
Articolo di Giovedì 6 Maggio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it