Condividi la notizia

TRASPORTI

È un’alta velocità divisiva per la politica locale

L’uscita del Coordinatore di Forza Italia, Fabrizio Rossi, non è piaciuta a Manuel Berengan del Pd. A Badia Polesine (Rovigo) si infiamma il dibattito sull’alta velocità

0
Succede a:
Manuel Berengan

BADIA POLESINE (Rovigo) – “Pensavamo che l'argomento fosse già stato ampiamente trattato nelle apposite sedute consiliari ma, evidentemente, ci sbagliavamo”, sostiene Manuel Berengan che aggiunge: “Mentre il Pd sostiene un concetto di trasporto pubblico utile al nostro territorio, Rossi (Fi) perde tempo polemizzando contro quanto sostenuto dal suo stesso partito in Consiglio regionale: incredibile ma vero!”

L’uscita del Coordinatore di Forza Italia, Fabrizio Rossi è stata l’occasione per “ … ancora una volta, quanto approssimativa è la politica che sta conducendo di fronte alle grandi scelte, quelle che richiedono, appunto, una certa competenza”. Anche l’Assessore regionale De Berti, durante il dibattito attorno alla più interessante mozione Venturini-Bozza nel corso dell’ultimo consiglio regionale, l’avrebbe sottolineato.

Rossi, secondo Berengan, non solo non ha letto quanto presentato dall’Onorevole Caon (che a quel punto forse non avrebbe sostenuto) ma si sarebbe spiegato da solo perché nemmeno i suoi compagni di partito in Consiglio Regionale, l’hanno votato. Di fronte alle contraddizioni esplose con il Piano Regionale dei Trasporti 2030, infatti, è stato presentato un testo alternativo, molto avanzato che riprende una posizione più pragmatica e ragionevole.

Tradotto: Si all’alta velocità, ma come sistema integrato al trasporto pubblico risolvendo i nodi della mobilità di Padova sud, di Rovigo con il Polesine effettuando uno studio di fattibilità per capire quali modi, quali benefici per il territorio e soprattutto quali costi da sostenere.

Dice ancora Berengan :  “Consiglio dunque a Fabrizio Rossi di chiarirsi le idee con il suo partito prima di venire a prendersela con il Pd che su questa questione mi pare sia molto più vicino a FI di Rossi stesso”. Per quanto riguarda quanto approvato nella città di Rovigo, il Coordinatore Rossi, con la sua approssimazione, non ricorda che la mozione è passata con un voto di minoranza (12 favorevoli e 17 astenuti).

Del resto il concetto di Alta Velocità proposto dall’Onorevole Caon propone un treno veloce che corre senza fermate intermedie fra Padova e Bologna, dunque niente Rovigo e Ferrara. Questo è un punto dirimente.

In questo senso – il Pd locale - consiglia al Coordinatore di Fi di Badia Polesine di non perdere ulteriore tempo con dei comunicati del tutto inutili alla stampa, con argomenti che non conosce, ignorando ciò che i suoi stessi colleghi di partito realizzano e propongono a livello regionale”.

Dunque, è l’invito finale, Fabrizio Rossi sostenga la Mozione di Fi approvata in Consiglio Regionale per portare avanti per un sistema di trasporto pubblico efficiente, intermodale, e produttivo integrato per un  concetto di Alta Capacità-velocità su rete storica migliorata anziché di  Alta Velocità pura no stop fra Bologna e Padova saltando Rovigo e Ferrara.

Ugo Mariano Brasioli

Articolo di Martedì 11 Maggio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it