Condividi la notizia

TRADIZIONE

Ceneselli conserva la tradizione ferrarese da anni

Un viaggio attraverso le strutture che, anche se in territorio polesano (Rovigo) hanno un significato importante dal punto di vista del dialetto ferrarese e non solo

0
Succede a:
CENESELLI (Rovigo) - Ceneselli conserva ancora nel dialetto e nel sentire comune il timbro di Ferrara, cui fu annessa nel 1484, nel 1598 Ferrara e anche Ceneselli furono assorbite dallo stato pontificio, ciò fino al 1815.

L'influenza papalina a Ceneselli si vede dalla Bonificazione Bentivoglio, che permise all'Alto Polesine un primo decollo socio-economico e alla bella villa Peretti, edificata a fine '500 dalla famiglia di papa Sisto 5°

A due passi dal centro in via Massa, la Peretti è sviluppata su tre livelli. Al piano terra ingresso, ampia zona giorno, sala da pranzo con caminetto, cucina abitabile, disimpegno e ripostiglio, in terrazza pavimenti alla veneziana.

Al superiore s'accede grazie ad una scala in marmo di pregevole fattura, il piano è tutto pavimentato in cotto. Il soffitto della camera degli ospiti fu affrescato a fine '800. Al primo piano un ampio salone con caminetto, una camera da letto matrimoniale, un'altra doppia, uno studio e i servizi. Al secondo piano spaziosa soffitta. il tutto su 250 m.

L'area cortiliva assomma a 1876 m., il parco-giardino è circondato da un alto muro di cinta: alberi secolari, siepi vive, arbusti, cespugli e fiori, bella la magnolia piantata nel 1865. Adesso in maggio è un trionfo cromato di fiori, specie gli iris, bello il pozzo antico.
Articolo di Mercoledì 12 Maggio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it