Condividi la notizia

GREEN ECONOMY

Coldiretti in pressing sulla Regione Veneto: No fotovoltaico su terreni agricoli

Non si ferma l'operazione dell'associazione di categoria per vietare l'installazione di impianti per la produzione di energia pulita che possano convivere con il suolo agricolo. Consegnate le 24mila firme alla petizione online

0
Succede a:
VENEZIA - Sono arrivate a destinazione le 24mila firme raccolte con la petizione “No fotovoltaico su suolo agricolo” ideata dal gruppo “Mamme zero consumo suolo” per appoggiare la battaglia di Coldiretti. Sono state consegnate nella mani del vice presidente del Consiglio veneto Nicola Finco, anche lui firmatario della petizione insieme all’assessore regionale Cristiano Corazzari e della consigliera Laura Cestari (LEGGI ARTICOLO).

"Un quantitativo  che sarà presto moltiplicato in tutta Italia - ha annunciato il presidente di Coldiretti Veneto  Daniele Salvagno grazie all'impegno degli under 30 di Giovani Impresa  che in ogni regione si attiveranno per promuovere l'iniziativa".

A contorno della mobilitazione anche 3500 disegni  realizzati dai bambini quale testimonianza dei più piccoli legata alla percezione dello sfruttamento del suolo agricolo. “Una visione innocente - ha commentato Daniele Salvagno, presidente di Coldiretti Veneto -  per evidenziare la speculazione ai danni di chi la terra la coltiva e la rende fertile”.

Obiettivo: accelerare sull’approvazione del Progetto di Legge numero 41 ancora fermo nelle varie commissioni consiliari regionali – commenta il presidente di Coldiretti Rovigo Carlo Salvan -. Il progetto di legge individua le aree idonee alle installazioni pannelli solari e deve approdare in Consiglio regionale”. Come già sottolineato da Coldiretti, si tratta dell'unico strumento legislativo per impedire l'assalto da parte del business agro energetico  ai terreni fertili, dirottando questi impianti sulle aree non agricole, sui tetti e sulle aree dismesse.
Articolo di Mercoledì 19 Maggio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it