Condividi la notizia

CASTELNOVO BARIANO SCUOLA

1 milione 150mila euro per la nuova scuola materna di Castelnovo Bariano

Una cifra importante per una struttura che nascerà e crescerà nel miglior modo possibile per i bambini non solo del piccolo comune polesano, ma per tutto il territorio (Rovigo)

0
Succede a:
CASTELNOVO BARIANO (Rovigo) - In un Comune bicefalo di anziani di neanche 2.600 anime l'amministrazione locale guidata dal 2009 da Massimo Biancardi ha sempre destinato ampie risorse alla scuola dell'obbligo, come dimostra il polo scolastico di via V. Veneto, plesso all'avanguardia dipendente dall'istituto comprensivo massese: nido; elementari; medie. Assai qualificato il corpo docente.

Più in generale onde contrastare il decadimento demografico si fa di tutto per curare i minori a vario titolo, stanti le sempre più limitate risorse a disposizione ma aderendo ai bandi specifici regionali e statali. In questi dì con delibera di giunta è stata rinnovata con l'Ulss 5 la convenzione (fondi regionali dal 2010) per i: "Minori: inserimenti istituzionali, affidi familiari e accoglienze residenziali". Ciò per il 2021.

La legge statale n. 1954 del 31 dicembre 1962 istituì la scuola media unica, l'obbligo scolastico sino al 14° anni di età. A Castelnovo Bariano il 1° anno di media unificata fu il 1964-65, una classe nell'attuale palazzo di Poste Italiane. Nel 1970 venne inaugurato l'attuale edificio delle medie in via V. Veneto, poi aggiunte le elementari (prima erano in municipio al 1° piano), il nido e la mensa.

Elementari. Famoso l'esperimento formativo degli anni '80 del doppio maestro per classe: Renzo Gregori curò l'aspetto logico-scientifico, William Moretti il grammaticale-letterario.
Lo scorso dicembre il governo mise a disposizione cospicui finanziamenti anticovid per la "messa in sicurezza, riqualificazione o nuova costruzione di edifici comunali destinati ad asili nido o scuole dell'infanzia".

I comuni possono accedere al relativo bando del Ministero dell'interno, presentando apposita istanza tecnico-economica. Con apposita delibera di giunta l'amministrazione locale ha fatto domanda, insistendo: "Sul favorire l'offerta formativa per bambini e giovani, ciò tramite l'individuazione di una nuova scuola dell'infanzia nel polo scolastico di via V. Veneto".

Certo esiste da alcuni decenni la scuola materna statale (sempre curata nel tempo) nella frazione di San Pietro Polesine (circa 600 abitanti) ma la maggioranza dei residenti, oltre i 3/4 abitano nel Comune capoluogo.

Ecco allora l'ultima delibera di giunta che chiede un finanziamento statale vincolante di 1.150.000 euro: 810.000 per lavori; 20 mila per oneri di sicurezza; 320 mila per la stesura progettuale già affidata all'ing. Maurizio Biancardi. E' già partita per Roma il documento di fattibilità tecnico-economico.
Articolo di Giovedì 20 Maggio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it