Condividi la notizia

GIORNATA INFANZIA

Porto Tolle s'illumina di blu per la giornata dell'infanzia e dell'adolescenza

Un modo per ricordare sempre l'importanza dei giovani in tutto il mondo, l'essenzialità dei diritti umani ai quali molti, spesso, non danno importanza, ma sono il fulcro di tutto (Rovigo)

0
Succede a:
PORTO TOLLE (Rovigo) - Il Comune di Porto Tolle ha aderito all’iniziativa “Lunga vita ai diritti” promossa da ANCI e UNICEF Italia che celebra il compimento dei 30 anni della ratifica italiana della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza (LG 176 del 1991).

Il 27 maggio 2021 ricorre il trentesimo anniversario della ratifica della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza da parte dell’Italia.

La Convenzione è il trattato sui diritti umani maggiormente ratificato al mondo: a oggi sono 196 i paesi che l'hanno ratificato. È il primo trattato sui diritti dei minorenni a essere vincolante e include tutte le fattispecie dei diritti umani, tra cui quelli civili, culturali, economici, politici e sociali.

La sua adozione da parte dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1989 è stata determinante nel migliorare la vita di bambini, bambine e adolescenti e ha contribuito a cambiare la percezione relativa all’infanzia e all’adolescenza, garantendo a bambini e ragazzi un nuovo protagonismo: bambini e adolescenti non più come oggetto di cura ma come soggetto di diritto.

Nella serata del 27 maggio, il Municipio verrà illuminato con una luce blu e sulla facciata verrà affisso uno striscione realizzato a mano dai ragazzi del doposcuola dei Servizi Educativi di Goccia Scs, recante il logo elaborato da UNICEF per il trentennale.

Il Vicesindaco Silvana Mantovani: “Questo tipo di iniziative hanno lo scopo di mantenere alta l’attenzione su temi che necessitano ancora di essere sviluppati. La strada da percorrere verso un consolidamento di questi diritti a livello internazionale è ancora lunga. I nostri bambini e adolescenti possono dirsi tra i fortunati, da questo punto di vista, fermo restando che i progressi da fare restano ancora diversi, un maggior grado di attenzione va riservato a coloro che vivono situazioni svantaggiate o vulnerabili, che richiedono di conseguenza misure sociali incisive, come evidenziato
 stesso Comitato ONU nelle ultime osservazioni rivolte all’Italia nel 2019”.

Il Sindaco Roberto Pizzoli: “Circa 10 milioni di bambini e adolescenti italiani stanno vivendo sulla propria pelle le conseguenze della crisi sanitaria globale più grave dall’ultimo dopoguerra. C’è il rischio che questa emergenza causi un deterioramento del loro stato di salute e diventi un acceleratore della povertà e delle diseguaglianze, acuendo le vulnerabilità e aggravando le discriminazioni. Le Istituzioni, in un contesto simile, devono adottare linee guida specifiche per la salvaguardia e il rafforzamento dell’accesso e della continuità dei servizi sociosanitari, di istruzione e protezione”.

Articolo di Mercoledì 26 Maggio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it