Condividi la notizia

VIABILITA' E SICUREZZA STRADALE ADRIA

Lettera Adria: i residenti di via Lupati, Pozzato e Cattozzo disperati dalla situazione

Arriva una lettera di denuncia della situazione che stanno attraversando le persone all'interno di queste zone per via del traffico pesante derivante dalla deviazione della Romea per lavori sul ponte del Brenta (Rovigo)

0
Succede a:
ADRIA (Rovigo) - "La presente per segnalare la situazione di grave disagio e pericolo che subiscono sempre più i residenti in via Monsignor Pozzato, via Cattozzo e via Lupati di Adria obbligati a convivere con un traffico che ha raggiunto ormai livelli di intensità insostenibili. E’ noto infatti che i lavori in corso sulla S.S. Romea nella zona di Chioggia determinano la deviazione verso Adria e Cavarzere di una gran parte della circolazione dei mezzi pesanti che possono evitare, in questo modo, i rallentamenti e le code causate dai cantieri stradali".

"Questa situazione sembra aggravarsi anche per la confluenza in questa zona di ulteriore traffico proveniente dalla zona di Bologna e Ferrara che anzichè inserirsi sulla S.S. Romea nella zona emiliana, preferisce intercettarla in corrispondenza dell’incrocio di Santa Margherita (VE), passando per Adria-Cavarzere. A preoccupare ancora di più i residenti è la considerazione che con il sopraggiungere della stagione estiva a questo traffico pesante, già fortemente aumentato durante gli ultimi mesi, si verrà ad aggiungere presto anche quello derivante dai lavori in agricoltura".

"Preoccupano molto le condizioni dei ponti interessati da questo transito (in particolare quello che scavalca la ferrovia Adria-Loreo) e del fondo stradale oggetto, lo scorso anno di un intervento parziale di asfaltatura che ha però lasciato numerosi tratti con buche e dissestamenti che aumentano il frastuono e le vibrazioni causate dai grandi automezzi; va segnalato poi che spesso questi ultimi transitano ad alta velocità, soprattutto nelle ore notturne e verso l’alba, causando forti rumori, grande disturbo e pericolo. A nulla sono valse sino ad ora le richieste rivolte alle pubbliche autorità per l’adozione di azioni volte a ridurre questo traffico (come le sua deviazione verso l’asse autostradale a Rovigo) o a disincentivare la convenienza per gli autisti a scegliere questa alternativa viaria (rallentamento mediante l’adozione di limiti della velocità più stretti, installazione di semafori “intelligenti”, maggior presenza e controllo diretto delle forze di polizia, ecc…)".

"Grande è la preoccupazione per i residenti di queste vie di Adria anche per la constatata mobilitazione nei giorni scorsi dei cittadini della zona di S. Anna di Chioggia che hanno già manifestato per ottenere una riduzione del traffico pesante in coda sulla SS Romea, davanti alle loro case. Il pericolo è che ANAS provveda prossimamente a risolvere il loro problema deviandolo ulteriormente sulle nostre arterie locali. Per tutto ciò si prevede la prossima costituzione di un comitato cittadino locale che porti avanti le istanze più sopra espresse, con tutte le modalità che una protesta civile potrà utilizzare".

Lettera Firmata
Articolo di Giovedì 27 Maggio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it