Condividi la notizia

TRASMISSIONE TV

Scoprire il Polesine in barca e bicicletta [VIDEO]

Ospite di Post-It dal Polesine del 26 maggio è Alba Rosito, presidente di Assonautica Acque interne Veneto ed Emilia

1
Succede a:
ROVIGO - Il turismo lento è pronto a decollare in Polesine. Nella terra dei grandi fiumi l'unico canale navigabile 365 giorni l'anno è il Canalbianco e la sua asta Fissero - Tartaro doveva diventare un'autostrada via acqua, ma la piattaforma a mare, che doveva essere costruita di fronte a Porto Levante è stata spostata verso Chioggia, sotto l'autorità portuale di Venezia.
A Post-It dal Polesine ne abbiamo parlato con la rodigina Alba Rosito, volto conosciuto, ex assessore e consigliere del Comune di Rovigo, presidente di Assonautica Acque Interne Veneto ed Emilia.

Da qualche anno Assonautica, che si è sempre occupata di mare, ha delle sezione dedicate alle acque interne, la prima è nata proprio a Rovigo e si occupa delle vie navigabili interne del Veneto e dell'Emilia. "Questo è importantissimo per il Polesine che è una terra di fiumi - spiega Rosito -. Il Canalbianco, anticamente un fiume, è comunque definito fiume di mezzo, tra il Po e l'Adige. Il fiume di mezzo è navigabile sempre. Il Po ha qualche problema in alcuni stagioni, dal punto di vista turistico con particolari imbarcazioni può essere navigato".


In Polesine Assonautica si occupa principalmente di sviluppare il turismo nautico collegato al cicloturismo, "nel meraviglioso Delta ma anche risalendo il Canalbianco si arriva in siti non solo suggestivi dal punto di vista paesaggistico ma anche culturale, musei, ville e castelli che vale la pena visitare. Il connubio barca - bicicletta, - illustra la Presidente - la prima di nostra competenza, la seconda in sinergia con la Provincia di Rovigo che sovrintende i percorsi ciclabili, è davvero interessante".

L'estate è alle porte e il Polesine si sta organizzando. Un poll di imprenditori associati Assonautica mettono a disposizione una imbarcazione chiamata RossoBlu, a cui sono collegate delle biciclette, questo per permettere tre itinerari turistici al momento validati. Il primo itinerario si intitola "La via delle acque" con partenza dal Mulino Pizzon di Fratta Polesine direzione Zelo con pit stop ai gorghi di Trecenta. Il secondo è "La via dell'archeologia" da Rovigo ad Adria, partenza dall'attracco di Bosaro fino al museo archeologico di Adria, a Rovigo la tappa è programmata al museo dei Grandi Fiumi.

Il terzo "Tra Ville e castelli" che prevede la sosta al castello di Arquà Polesine, l'imbarco a Bosaro, l'arrivo al museo Pizzon di Fratta Polesine e qui il percorso in bici fino a Villa Badoera, Villa Avezzù e casa museo Matteotti. Sempre in bici si arriva alle antiche distillerie Mantovani di Pincara.

Questa puntata della rubrica Post-It dal Polesine, ideata e condotta da Irene Lissandrin, è stata trasmessa in diretta sulla pagina Facebook di RovigoOggi.it, ed è possibile rivederla integralmente da questo articolo o dal canale Youtube di RovigoOggi.it dove potrete trovare anche le puntate precedenti.
Articolo di Venerdì 28 Maggio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it