Condividi la notizia

PRO LOCO CASTELNOVO

La Pro Loco di Castelnovo Bariano torna in campo con la festa patronale

Il 13 giugno prossimo ritornerà questa importante ricorrenza importantissima per il comune dell'alto Polesine (Rovigo), tutto questo grazie all'impegno della Pro Loco

0
Succede a:
CASTELNOVO BARIANO (Rovigo) - La Pro Loco ritorna logisticamente in campo, dopo troppi mesi di forzata inattività pandemica.

Il presidente Francesco Lazzarini informa che: "Domenica 13 giugno festeggeremo, seppur in forma ridotta onde rispettare le norme di legge anticovid, il patrono S. Antonio di Padova: alle 18 messa cantata e
celebrata da don Graziano Giuriati; alle 20.30 cena allo stand Pro Loco tramite il patrocinio comunale. Il menù si baserà su risotto e fritto misto in particolare, oppure, per chi vorrà, carne. Prenotazioni entro giovedì 10 al 331 364 4555".

Il sindaco Massimo Biancardi aggiunge che: "Trattasi di un bel ritorno, una speranza, un auspicio generale per la normalità quotidiana tanto agognata". Molto sentito da sempre il culto antoniano. Pensiamo solo alle formelle offerte al Comune dallo scultore massese Natale Calesella effigianti la storia del Santo e che saranno affisse presto ad ogni colonna prospicente la parrocchiale.

S. Antonio di Padova (Lisbona 1195-Arcella, Padova 1231), francescano, è dottore della Chiesa: la sua basilica patavina attira da sempre moltitudini di pellegrini da ogni dove. Battezzato con il nome di Fernando, entrò verso il 1220 fra i canonici regolari di S. Agostino, specializzandosi per un decennio a Coimbra in teologia. Preso il nome di Antonio, partì poi per il Marocco in senso evangelico. Fattosi francescano nell'eremo di Montepaolo (Forlì), divenne presto famoso come predicatore nell'Italia del Nord e in Provenza.

Dal 1227 al 1230 fu ministro provinciale in Emilia e Lombardia. Fu canonizzato nel 1232 pochi mesi dopo la morte. Nel 1946 fu eletto dottore della Chiesa. Degli scritti sono autentici solo i celebri Sermones.

Nella pietà popolare la venerazione per lui si accentra sopratutto nella figura del taumaturgo. Culto diffusissimo a livello mondiale.
Articolo di Sabato 29 Maggio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it