Condividi la notizia

RUGBY TOP10

Umberto Casellato saluta Rovigo e va a Colorno, contestando la società dopo la vittoria

Destinazione Colorno, ma con ambizioni diverse per coach Umberto Casellato che, dopo tre stagioni da head coach della FemiCz Rovigo, lascia il Polesine da vincitore. Un lusso per pochi

0
Succede a:

ROVIGO - Dopo l’accesso alla finale scudetto nel 2019 e una Coppa Italia vinta proprio contro il Petrarca nel 2020, e lo scudetto del 2 giugno al Plebiscito (LEGGI ARTICOLO), Umberto Casellato saluta Rovigo.

Al suo posto in viale Alfieri arriverà Allister Coetzee, ex tecnico del Sud Africa, per il coach trevigiano, si prospetta il ritorno a Colorno, proprio da dove era arrivato. Per lui una nuova sfida, centrare la salvezza, e magari togliersi qualche soddisfazione contro qualche grande.

Casellato saluta Rovigo con più di una frecciatina.

“Non è Umberto che se ne va via". Una vittoria doppia per coach Casellato, dopo quella con il Mogliano nel 2013, è tra i pochi tecnici italiani in attività a vantare due scudetti "Le difficoltà ci hanno cementato durante tutta questa stagione, abbiamo mangiato tanta m...a, io per primo". "Mi sono chiuso io e loro; questo scudetto lo sento mio e dei ragazzi, perchè ad un certo punto della stagione ci hanno abbandonato e noi siamo andati avanti, sono successe delle cose inaccettabili a mio parere, ma capisco che è il mio lavoro e le devo accettare ugualmente. Questa è la risposta dei ragazzi, che non mi hanno mai girato le spalle, sono degli uomini e mi hanno seguito fino alla fine". Il tecnico non lo dice apertamente, ma la presenza di Allister Coetzee in città lo ha profondamente turbato, soprattutto alla vigilia della semifinale scudetto contro il Calvisano.

Leggi la Cronaca di Petrarca - FemiCz Rovigo
LEGGI L'ARTICOLO SUL 13ESIMO SCUDETTO
Leggi l'articolo su Yarno Celeghin in bicicletta a Padova per la finale
Leggi l'articolo sulla finale davanti al maxi schermo
Leggi le parole di Zambelli, Bacchetti, Lubian, Ferro, Menniti-Ippolito e Antl
Leggi le parole di Andrea Marcato
La lunga notte di festa a Rovigo 

Una stagione fatta di alti e bassi, ma è il risultato finale che conta “Sicuramente il momento critico sono state le tre sconfitte consecutive - spiega Casellato - avendo cambiato modo di giocare ci siamo snaturati per portare a casa la pagnotta, ma per fortuna è arrivata la chiamata di Filippo Frati che mi ha dato nuova linfa di credere nel rugby che stavamo facendo, e piano piano abbiamo lavorato sulle nostre sicurezze". "Nel primo tempo abbiamo avuto due occasione nitide di fare meta, ma non siamo riuscite a farle, comunque abbiamo vinto". "Il più bel Rovigo che ho allenato io è quello delle centodieci mete, ma siamo arrivati in finale totalmente distrutti". Il 2 giugno 2021 Casellato è entrato nella storia della Rugby Rovigo.

Partenze eccellenti in viale Alfieri, Lorenzo Citton e Matteo Canali al Petrarca, Massimo Cioffi e Diego Antl al Valorugby, e come ogni fine stagione, arriveranno anche gli annunci degli arrivi, ovvero Leonardo Sarto e Nicola Bibi Quaglio dal Benetton Treviso, Alberto Chillon di ritorno dal Valorugby, e Alessandro Ciofani Mvp della stagione con il Viadana (LEGGI ARTICOLO).

Tra le partenze eccellenti c’è da registrare anche quella di Andrea Menniti-Ippolito e Gianmarco Vian, direzione Fiamme Oro, Charly Trussardi (Francia). Edoardo Mastandrea dovrebbe prendere la direzione di Calvisano, Lubabalo Giant Mtyanda è in scadenza, mentre Michele Mantovani lascerà il rugby per un lavoro, il futuro non aspetta. Ancora da definire le posizioni di Guido Barion e Nicolas Coronel.

Articolo di Mercoledì 2 Giugno 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it