Condividi la notizia

2 GIUGNO

Anche Stienta ha celebrato la festa della Repubblica

Una celebrazione importante quella del 2 giugno a Stienta (Rovigo), presenti anche i neo-diciottenni nella platea allestita in piazza Santo Stefano

0
Succede a:

STIENTA (Rovigo) - Nella mattinata del 2 giugno si sono svolte in piazza Santo Stefano a Stienta le celebrazioni della Festa della Repubblica.

A caratterizzare la manifestazione è stata la suggestiva e partecipata cerimonia di consegna della Costituzione ai giovani stientesi che hanno raggiunto la maggiore età nell’anno 2020 e sino al 2 giugno di quest’anno.

I neo-diciottenni sono stati accolti, nella platea allestita in piazza Santo Stefano nel rispetto delle disposizioni per evitare la diffusione del contagio, dal Sindaco Enrico Ferrarese e dall’assessore Marco Franchi che hanno gestito direttamente l’organizzazione della celebrazione, dalla giunta al completo e da un gruppo nutrito di consiglieri di maggioranza.

La cerimonia ha visto l’assessore Marco Franchi rivolgersi ai ragazzi con un intervento di saluto e di carattere storico contestuale nel quale ha voluto anche ringraziare i colleghi della giunta ed i consiglieri per aver appoggiato la proposta di consegnare ai diciottenni una copia della nostra carta costituzionale in occasione delle celebrazioni del 2 giugno.

Il Sindaco Enrico Ferrarese, di professione avvocato, ha fornito ai ragazzi alcune nozioni sui “caratteri fondamentali” della nostra costituzione, spiegando loro il significato dei vari termini. Ha dato quindi il benvenuto ai neomaggiorenni all’interno della “comunità dei diritti e dei doveri” cercando di spronarli a concentrarsi sui doveri che ogni cittadino deve alla propria comunità oggi per effetto di quei diritti che ognuno di noi ha, grazie alle lotte e conquiste fatte da altri in altri momenti.

Era presente anche il Parroco Don Giancarlo Berti che è intervento per salutare i ragazzi e per stimolarli ad impegnarsi, consapevole dei vari impegni professionali o di studio, a partecipare come cittadini in modo attivo per la comunità.​   

Dopo la consegna delle costituzioni ai ragazzi e le foto di rito, la cerimonia è proseguita con la deposizione di un vaso di fiori al monumento dei caduti, l’ascolto dell’inno nazionale e la benedizione di Don Giancarlo alla presenza anche delle autorità militari intervenute, il comandante della stazione dei carabinieri di Stienta Maresciallo Alessandro Di Manna ed il Caporal Maggiore Capo dell’Esercito Italiano, e concittadino, Giuseppe Contarino.

UMB

Articolo di Giovedì 3 Giugno 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it