Condividi la notizia

COMUNE

Molto è stato fatto con minimo impegno delle risorse comunali

L’assessore Fabrizio Capuzzo ha snocciolato tutta una serie di risultati e di lavori di prossima realizzazione ritenuti “importanti”, partendo dalla messa in sicurezza delle scuole di Badia Polesine (Rovigo), e non solo

0
Succede a:

BADIA POLESINE (Rovigo) – Uno dei punti più attesi nell’ultimo consiglio comunale del 4 giugno, ha riguardato la relazione dell’assessore ai Lavori pubblici Fabrizio Capuzzo, oggetto di una contestazione da parte del consigliere di Adesso Badia di Manuel Berengan (LEGGI ARTICOLO), sulla mancata contrazione di mutui e per quanto riguarda la videosorveglianza quando ha detto: “Speriamo che vi ricordiate anche dei poveri badiesi della periferia”.

L’Amministrazione comunale invece è soddisfatta per aver “celebrato le nozze con i fichi secchi”, come avrebbe detto Gastone Fantato. Tradotto: molto è stato fatto con minimo impegno delle risorse comunali.

Infatti, l’assessore Fabrizio Capuzzo ha snocciolato tutta una serie di risultati e di lavori di prossima realizzazione ritenuti “importanti”, partendo dalla messa in sicurezza delle scuole, un investimento che continuerà anche nel corso di quest’anno. Gli interventi hanno riguardato la scuola elementare di piazza Marconi, da tempo bisognosa di alcune opere di sistemazione. “Alla scuola elementare di piazza Marconi – ha detto l’assessore – abbiamo portato avanti una manutenzione straordinaria per interventi di adeguamento antincendio. L’importo generale è di 208mila euro, dei quali 37.500 finanziati dal lascito testamentario di Enzo Benati e la restante cifra da perequazioni (Quality, Pronto Casa e Andreella). Dopo aver sistemato gli spogliatoi della palestra intitolata ad Alfredo Pignatta, con l’eliminazione delle barriere architettoniche, la sostituzione degli infissi e l’adeguamento antincendio, i lavori alla scuola si termineranno comunque prima del prossimo anno scolastico, con relativo ottenimento del Certificato prevenzione incendi. Nell’ambito degli interventi sarà sistemato anche il cortile esterno per renderlo più accessibile e funzionale ai bambini. L’importo generale è di 65mila euro ed è stato finanziato per 42.900 euro dalla Fondazione Cariparo e per la restante parte da fondi propri di bilancio.

L’adeguamento antincendio della scuola dell’infanzia , inizieranno a luglio e si chiuderanno entro l’anno, con un costo di 45mila euro interamente finanziati dal Comune.

Con 49.500 euro, di cui 37mila finanziati dalla Regione, sono stati sistemati l’impianto di illuminazione  del tennis e gli spogliatoi dei campi di calcio e rugby.

A marzo sono iniziate le riqualificazioni degli spazi del Sodalizio Vangadiciense e parte del Crab: costo 246mila euro, di cui 188.513 con contributo Gal/Avepa, 20.000 con contributo Fondazione Cariparo e 37.486 con fondi propri di bilancio.

Fra le realizzazioni più vistose ed apprezzate dai cittadini, c’è sicuramente quella della nuova pubblica illuminazione. A marzo 2020 l’appalto è stato aggiudicato alla ditta Elettrocostruzioni con la previsione di finirli entro un anno. Il contratto definito “storico” dal Sindaco, prevede l’installazione di circa 80 telecamere per la videosorveglianza oltre a quelle già in funzione. Controlleranno i varchi d’accesso alla città e i punti più sensibili (parcheggi, rotatorie, piazze e zona artigianale).

Altro grande intervento, ancorché contestato dal gruppo Adesso Badia, sarà quello relativo alla riqualificazione di via Roma. Con un costo complessivo di 450mila euro, dei quali  230mila finanziati con il “piano interventi pronto casa”, ridisegnerà il volto di uno degli accessi principali a Badia per chi proviene da Lendinara; quello in cui insiste lo storico “stadio Verzaro”. L’intervento “Non è una semplice asfaltatura”, ha ricordato Capuzzo, andrà a togliere i marciapiedi e creare una superficie a raso, creando una pista ciclopedonale che permetterà di svoltare in sicurezza verso le scuole. “La riqualificazione di via Roma – ha precisato l’Assessore – si inserirà in un progetto di più ampio respiro che renderà Badia a misura di turista, con percorsi legati alla mobilità lenta e sostenibile, con collegamenti diffusi e ramificati”.

Ugo Mariano Brasioli

Articolo di Giovedì 10 Giugno 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it