Condividi la notizia

SOCIALE

Adria tra le città aderenti al progetto nazionale sulla costruzione della gentilezza: arriva la panchina viola

Un'iniziativa importante per rilanciare quello che è già un progetto di carattere nazionale, che potrà solo dare altre soddisfazioni anche a livello locale (Rovigo)

0
Succede a:
ADRIA (Rovigo) - "Nell’ambito del progetto nazionale costruiamo gentilezza, abbiamo aderito alla settimana nazionale delle panchine viola, con lo scopo di innescare una pratica di benessere tra la comunità, per far si che la gentilezza diventi  un’abitudine sociale diffusa”. Le parole del sindaco Omar Barbierato che prosegue: “La gentilezza é una virtù che va coltivata fin da giovani ed è un elemento di grande forza d'animo per chi ne fa uso.Per questo motivo inaugureremo simbolicamente la prima panchina viola dipinta dai ragazzi del Grest, alle ore 11.30 del 24 giugno al parco di via Mascagni. E a seguire una seconda panchina nel parco Pietro Nenni".
 

Due momenti significativi, ai quali presenzieranno i rappresentanti e i ragazzi di alcune realtà associative, tra  cui il forum dei giovani e gli scout di Adria 1, che hanno aderito con entusiasmo all’iniziativa nazionale che ad oggi coinvolge circa 130 comunità italiane

“Ritengo che il simbolo delle panchine viola posizionate in due nostri parchi cittadini, sia una stimolo importante per i nostri bambini e ragazzi, a compiere gesti di gentilezza soprattutto verso le persone più deboli”. Commenta la consigliera Oriana Trombin. 
 

"La gentilezza è un importante esercizio di amore gratuito verso l'altro. Un gesto che si impara in famiglia ma anche nelle tante esperienze di volontariato nell'ambito sociale e sportivo- commenta l’assessore Matteo Stoppa- Quindi grazie a chi educa ogni giorno alla gentilezza".

A fare da eco all’assessore Stoppa, Stefano Braga, presidente Asd Alba 2015 che ha aderito al progetto  ”La gentilezza è uno stile di vita in quanto motore del fair play nello sport. Una buona prassi che si rifà  ai valori presenti nella Carta Olimpica, che così recita: "I valori olimpici hanno lo scopo di contribuire alla costruzione di un mondo migliore e più pacifico, educando la gioventù per mezzo dello sport, praticato senza discriminazione di alcun genere ed esigono mutua comprensione e spirito di amicizia”.

"La nostra partecipazione all’iniziativa è una goccia nel mare della vita che, per quanto possa essere piccola, se non ci fosse, il mare avrebbe una goccia in meno”. Spiega Braga.
 
“Per la Pro Loco, associazione che si occupa anche di accoglienza turistica, la gentilezza è basilare nei rapporti con le persone –dichiara Letizia Guerra, presidente della locale Pro Loco- Questa buona pratica tra l'altro crea comunità e aumenta la serenità. È bello poter osservare in Città dei simboli, come le panchine, che  ricordino quotidianamente che nessun atto di gentilezza è mai vano”

“L’obiettivo è quello di costruire la gentilezza tra i giovani, attraverso  il coinvolgimento di  altre realtà associative che fanno parte delle varie consulte cittadine, fino ad arrivare a coprire tutto il territorio comunale per  raccontare episodi di cronaca viola, che verranno inseriti tra i contenuti  dell’iniziativa nazionale”. Dichiarano infine gli amministratori.
Articolo di Martedì 22 Giugno 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it