Condividi la notizia

FOTOVOLTAICO

Pd Adria: "Nonostante la petizione contro il fotovoltaico, la Regione sembra non essere intenzionata a cambiare rotta"

Gessica Ferrari, esponente del partito di centrosinistra di Adria (Rovigo) commenta le ultime prese di posizione riguardante il fotovoltaico a Loreo, specificando che la situazione è sempre la medesima

0
Succede a:
LOREO (Rovigo) - "L'associazione Coldiretti ha raccolto e consegnato al consiglio regionale oltre 24 mila firme al fine di accelerare i tempi di approvazione di una legge che tuteli in maniera chiara e definitiva i terreni agricoli contro la contagiosa tendenza di convertire campi fertili in impianti fotovoltaici a terra". Ritorna sull'argomento l'esponente del Partito Democratico di Adria, Gessica Ferrari, chiarendo ancora una volta la propria contrarietà al fotovoltaico su campi fertili. 

"La petizione degli agricoltori ha avuto origine in modo spontaneo da un coraggioso gruppo di donne riunite nel comitato "Mamme zero consumo suolo", a cui molto velocemente hanno aderito imprenditrici del mondo agricolo ma soprattutto madri con lo scopo di preservare il territorio e tramandarlo integro alle future generazioni".

"L'iniziativa è stata sostenuta fortemente dal Partito Democratico a cui hanno fatto eco anche altri schieramenti politici. Soltanto poche settimane fa l'assessore regionale Cristiano Corazzari e la consigliera Laura Cestari aggiungevano anche le loro firme alla petizione di Coldiretti, significativo gesto che si sperava  potesse rappresentare un'inversione di tendenza".

"Purtroppo non solo ad oggi  il PDL 41 ancora giace nei cassetti della Regione, ma nuovi progetti di impianti fotovoltaici sul nostro territorio continuano a moltiplicarsi. Dopo il Comune di Loreo anche Porto Viro entra nel mirino dei luoghi privilegiati per "coltivare" specchi. Sono infatti stati individuati altri 11 ettari di terreno, attualmente coltivati a cereali, che qualora il progetto decollasse  andrebbero  a sommarsi ai 230 mila ettari di suolo agricolo che il Veneto ha perso per "seminare" pannelli".

"Carlo Salvan, presidente di Coldiretti Rovigo, da tempo si batte per sostenere la posizione degli agricoltori "No al consumo di suolo fertile  a favore del fotovoltaico a terra!". "La produzione di energia da fonti rinnovabili può privilegiare tetti, aree che non possono essere destinate alla coltivazione, siti industriali dismessi e tutti conosciamo bene come tali luoghi non manchino nella nostra provincia sempre più spopolata e deindustrializzata".

"Senza una legge regionale il nostro Delta è continuamente minacciato  dall'avanzata dei nuovi "conquistatori  dell'energia verde" con conseguenze devastanti  sulla flora e  fauna locali, una grave incongruenza  che ciò avvenga all'interno del Parco del Delta del Po  o nelle sue prossimità, sempre più somigliante ad un parco energetico. Prima la centrale di Polesine Camerini ora i pannelli, il prezzo dell'energia "made in  Polesine" da sempre lo paga l'ambiente e soprattutto i suoi abitanti".

Concludendo: "Mentre regioni come le Marche  e la Toscana conquistano il titolo di regioni "più green" d'Italia per l'investimento a favore di uno sviluppo rurale sostenibile, il Veneto corre il rischio di primeggiare per la sua distesa di "specchi  per le allodole", che ci restituiscono l'immagine riflessa di una regione che ha confuso il significato di sviluppo economico ecocompatibile per  incrementare il benessere  e la qualità della vita della sua comunità con quello di mera rendita finanziaria a beneficio di  pochi investitori spesso con le sedi legali all'estero". 
Articolo di Domenica 4 Luglio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it