Condividi la notizia

NAVIGAZIONE FLUVIALE

L'interporto di Rovigo non si regala più

I socialisti riconoscono l'aumento di interesse per la navigazione fluviale, e per Rovigo si parla di logistica e gestione immobiliare nell'affitto dei capannoni

0
Succede a:
ROVIGO - "Abbiamo notato un risveglio di interesse nei confronti della navigazione fluviale. Sono state rifinanziate per il loro completamento infrastrutture che da anni limitavano le potenzialità del settore" commentano dalla federazione rodigina del Partito socialista italiano.

"In questo contesto anche l’Interporto di Rovigo sta ritrovando la sua “mission” nonostante che solo qualche anno fa qualcuno, dalle parti del centrodestra, avesse pensato di regalarlo ai padovani. Ora si sta ipotizzando una gestione più legata alla logistica che alla gestione immobiliare ed all’affitto di capannoni. Ci sono alcuni aspetti, tuttavia, che devono essere ricordati e sottolineati in quanto se oggi ci sono le condizioni per questo rilancio il merito va ascritto all’art. 23 del Piano Particolareggiato ed a coloro che lo hanno fatto rispettare impedendo l’insediamento di imprese insalubri ed inquinanti a ridosso della banchina.

In questo modo si è preservato lo spazio vitale per l’insediamento della logistica senza del quale l’Interporto non avrebbe futuro. Si tratta solo, tra l’altro, di 500.000 mq in confronto ai 10mlioni di Mantova ed ai 90milioni di Marghera. E’ bene, quindi, quanto ipotizzato dalla attuale Presidenza, alla quale va il merito di avere riportato in attivo il bilancio di una così importante infrastruttura che anche il Sindaco di Rovigo ha individuato come elemento di traino della economia Polesana".
Articolo di Martedì 6 Luglio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it