Condividi la notizia

ECONOMIA

Una mossa strategica per lo sviluppo economico e sociale del territorio

Gilberto Bianchini invoca contributi a fondo perduto per l’imprenditoria femminile  di Trecenta (Rovigo)

0
Succede a:
Gilberto Bianchini

TRECENTA (Rovigo) – Allargare la platea anche alle donne che imprendono come libere professioniste è importante, a maggior ragione in un periodo come questo dove le donne hanno pagato il prezzo più alto della crisi economica conseguente alla pandemia.

Per questo il Partito Democratico di Trecenta, invita il Sindaco Laruccia a chiedere alla Regione Veneto di accedere ai contributi a fondo perduto per l’imprenditoria femminile, messi a disposizione grazie all’approvazione dell’emendamento presentato in Consiglio Regionale dalla Vice Capogruppo Consiliare del Partito Democratico Vanessa Camani e di aprire anche a Trecenta uno specifico Bando per accedervi.

“E’ una modifica importante, sostiene il Capogruppo di minoranza Gilberto Bianchini, proprio perché in una fase in cui molte donne si sono trovate senza lavoro, potrebbero avere la volontà e la necessità di intraprendere una nuova strada e molto spesso le libere professioni rappresentano la via più idonea per potersi emancipare”.

Il Partito Democratico appoggia la scelta di investire sull’imprenditorialità femminile che non deve essere solo una modalità per erogare genericamente dei contributi, bensì una mossa strategica per lo sviluppo economico e sociale del Veneto.

“Dobbiamo costruire le condizioni perché, attraverso un investimento sulle imprese gestite da donne, si attivi una crescita economica e sociale del sistema imprenditoriale della nostra Regione Veneto” conclude Bianchini.

Ugo Mariano Brasioli

Articolo di Domenica 11 Luglio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it