Condividi la notizia

LA RIFLESSIONE

Nonnato: "Dov'è finita la Politica?"

Tolti gli slogan ed i testimonial famosi, cosa rimane ai messaggi politici odierni? Dove sono le ideologie e gli ideali? Se lo chiede il socialista Giovanni Nonnato

1
Succede a:

ROVIGO – Giovanni Nonnato, socialista, riflette sulla politica di ieri, di oggi e si interroga su quella di domani.

Una volta i partiti erano il frutto di ideologie e di ideali e non avevano l’assillo costante dei sondaggi. Il tema di fondo era il progetto da proporre per il futuro. La Malfa ed il Partito repubblicano italiano restano l’esempio più classico” afferma Nonnato.

Oggi sono originati prevalentemente da personaggi noti, ricchi di finanze, e di ambizione. Non possono mancare gli slogan propagandistici costantemente adattati in rapporto agli indici. Una volta era prioritario fare politica e fare progetto per costruire il futuro di tutti. Oggi ci si accontenta appena di amministrare. E non sempre.

Eppure il passato non svanisce mai improvvisamente, ma ne ereditiamo sempre parti e particolari che condizionano il nostro cammino. Pare, invece, che oggi sia stata cancellata completamente la memoria, il linguaggio ed i comportamenti. Il sogno, la visione, gli ideali non fanno più parte del presente e non ne condizionano più il futuro caratterizzato prevalentemente da conflitti e da competizioni personalistiche oltre che da tanta confusione. Al punto da far prevalere il tifo da stadio piuttosto che la partecipazione consapevole.

Anzi, la partecipazione addirittura non esiste proprio più. Una conferma i polesani l’hanno espressa votando per la Camera una sconosciuta candidata di Badia a danno di un candidato che aveva dato prova di lavorare con impegno e con competenza a favore del territorio e dei suoi cittadini (Diego Crivellari). Ma tant’è, gli ordini di scuderia erano quelli, ed oggi possiamo registrare solo afonia, inefficienza ed incompetenza.

Non sempre il passato è peggio del presente e del futuro, ma oggi siamo costretti ad assistere ad una improduttività progettuale che del sogno non conserva nemmeno il tentativo di consentire una risposta a quelle isolate voci che lanciano ancora messaggi in bottiglia che sappiamo essere raccolti. Ecco. Raccolti e basta. Magari interpretati come un disturbo del sonno; purtroppo senza sogni”.

Articolo di Lunedì 19 Luglio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it