Condividi la notizia

CORONAVIRUS

Vaccinazione anti-covid:, in 20 giorni già partite 132 farmacie in Veneto

Tra le province, al primo posto Venezia, seguita da Padova e Rovigo, decolla in Veneto la vaccinazione contro il Covid-19 anche nelle farmacie. 1.307 dosi sono state somministrate ai 20-29enni

0
Succede a:

ROVIGO - Oltre 4.700 le dosi somministrate, quasi il 60% ai giovani trai i 20 e i 39 anni, ma è stata “recuperata” anche una quota di over 60. Il presidente di Federfarma Veneto Andrea Bellon: “In Veneto un modello innovativo, abbiamo dimostrato di essere partner sicuri e affidabili del sistema sanitario nazionale e regionale”. Tra le province, al primo posto Venezia, seguita da Padova e Rovigo.

A circa venti giorni dall’inizio della campagna di vaccinazione nelle farmacie, sono già numeri importanti quelli raggiunti attraverso questo inedito canale: le farmacie che hanno effettivamente iniziato a vaccinare sono già diventate 132 in tutto il Veneto, mentre le dosi fino a oggi somministrate in farmacia nella nostra regione sono 4.716.

Interessanti anche i dati relativi alle fasce di utenza: il 59,3% degli utenti che ha scelto di vaccinarsi in farmacia ha tra i 20 e i 39 anni (per la precisione 1.307 dosi sono state somministrate ai 20-29enni, 1.494 ai 30-39enmi); seguono i 40-49enni (16,8%, 794 dosi) e i 50-59enni (13%, 615 dosi).

“Si tratta soprattutto di cittadini che non hanno trovato posto nelle liste delle aziende socio-sanitarie, o che grazie alle farmacie in molti casi hanno potuto anticipare almeno la prima dose, partendo così per le vacanze un po’ più protetti - sottolinea il dottor Andrea Bellon, presidente di Federfarma Veneto - ma in queste settimane i farmacisti hanno “recuperato” anche una quota di over 60 facendo opera di convincimento: abbiamo somministrato 220 dosi ai 60-69enni (4,6%), 55 dosi ai 70-79enni e perfino 6 dosi ad altrettanti over 80”. Osservando i dati per provincia, al primo posto troviamo quella di Venezia con 1.922 somministrazioni in farmacia (di cui ben 1.766 in Ulss 3 Serenissima); a seguire Padova (1.204 in Ulss 6 Euganea) e Rovigo (617).

“Come preannunciato siamo partiti gradualmente e con alcune differenze abbastanza significative tra i diversi territori - spiega il presidente Bellon -, perché alcune aziende socio-sanitarie sono state più tempestive di altre nell’organizzare i corsi di abilitazione e la logistica, ma il numero di farmacie aderenti è cresciuto rapidamente e ormai siamo a regime: anzi mi aspetto che nelle prossime settimane altre farmacie si uniscano alla campagna, con numeri destinati dunque a crescere ulteriormente”.

Dopo le difficoltà iniziali, ora c’è anche modo per analizzare i primi risultati raggiunti: “Il Veneto è stato tra le primissime regioni a partire con le vaccinazioni in farmacia - specifica Bellon -, attuando così un modello innovativo che ha consentito l’attivazione capillare nel territorio di oltre 130 micro-punti di vaccinazione, accanto agli hub gestiti dalle aziende socio-sanitarie. Un modello che i cittadini hanno dimostrato di apprezzare soprattutto per la facilità di accesso: niente portali o app, per prenotare semplicemente entrano nella farmacia sotto casa o telefonano. E i numeri limitati di utenti per ogni sessione (30 la settimana, ndr.) consentono di avere un approccio più familiare e sensibile sul piano umano, facendo sentire il cittadino di non essere semplicemente un numero. In ogni caso la somministrazione del vaccino in farmacia non ha dato nessun tipo di problema: abbiamo dimostrato che si può fare, con tanti vantaggi per i cittadini e in prospettiva anche per gli altri servizi e operatori sanitar, che abbiamo contribuito a sgravare di un po’ di lavoro”.

 

Articolo di Martedì 27 Luglio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it