Condividi la notizia

TEATRO

Tutto è pronto per il prossimo appuntamento in concorso per A teatro con una stella

In scena ad Arquà Polesine sabato 31 luglio alle ore 21:15 vi sarà la compagnia polesana La Tartaruga di Lendinara con lo spettacolo Stella e firmamento, commedia in due atti di Aldo de Benedetti

0
Succede a:

ARQUÀ POLESINE (Rovigo) - Dopo la performance teatrale della compagnia Trentamicidellarte di Villatora di Padova, con un ottimo riscontro di pubblico, la XXVIII edizione di Corte teatrale in Castello e la V edizione di A teatro con una Stella sono pronte a continuare. Lo spettacolo proposto sabato scorso ha dato modo di sorridere e ridere della vita con il testo Nemici come prima scritto da Gianni Clementi per la regia di Gianni Rossi. Una spietata fotografia familiare, conclusasi in modo esilarante, è stata molto apprezzata dagli spettatori presenti.

Tutto è pronto per il prossimo appuntamento in concorso per A teatro con una stella, quest’anno dedicato a due personalità molto note e amate dal paese: Davide Altieri cui è dedicato il premio per il miglior spettacolo in assoluto e Ruggero Sichirollo cui è intitolato il premio per il miglior interprete. Si ricorda che sarà il pubblico presente a decretare, inoltre, il premio per lo spettacolo maggiormente apprezzato. Al pubblico si aggiungerà – per decretare il podio - una giuria di qualità, presieduta da Luigi Carlesso, vicesindaco e assessore alla cultura del Comune di Arquà Polesine e composta da rappresentanti di Proposta Teatro Collettivo e da membri del Circolo Mons. Giacomo Sichirollo, con cui è nata la rassegna-concorso.

In scena sabato 31 luglio alle ore 21:15 vi sarà la compagnia polesana La Tartaruga di Lendinara con lo spettacolo Stella e firmamento, commedia in due atti di Aldo de Benedetti, libero adattamento e regia di Liviana Furegato. La vita scorre tranquilla e un po’monotona in casa di un affermato avvocato e della sua giovane e bella moglie.

La visione di uno struggente film d’amore scatena strane fantasie in lei e mette qualche pulce nell’orecchio a lui. Ne nascono dubbi ed equivoci che sembrano compromettere i rapporti di coppia, ma a vivacizzare e a risolvere la situazione ci pensano un investigatore privato ed una moderna e stravagante suocera...

Gli appuntamenti iniziano tutti alle ore 21:15. Costo d’ingresso per ogni evento di 7 euro.

Per prenotazioni e informazioni: propostateatrocollettivo@gmail.com, 3939760659, 3441350020, social Instagram e Facebook di Proposta Teatro Collettivo.

 

PROSSIMI APPUNTAMENTI:
7 agosto, ore 21:15
«NA CASA SENZA NA DONA...»

Commedia in tre atti – testo e regia di Nicoletta Bauce
Brutti ma buoni di Arre (PD)

Etta, casalinga frustrata e depressa, si scontra quotidianamente con il carattere ruvido di Beppi, marito sempre dedito al lavoro e poco attento ai desideri della moglie.

Il tutto è reso ancora più complicato dall’invadenza di Mafalda, suocera sempre pronta a difendere il figlio e a criticare la povera nuora. La storia viene poi arricchita da personaggi caratteristici che daranno il via a una serie di bugie, equivoci, colpi di scena...

14 agosto, ore 21:15
EL CAVALIER DE LA TRISTA FIGURA

Di Franco Antolini – regia di Sabrina Carletti
El Gavetin di Negrar (VR)

Le fantasie del leggendario cavaliere Don Chisciotte de la Mancia di Miguel de Cervantes prendono vita nell’originale restituzione di Franco Antolini, alternando sul palcoscenico la narrazione allegra, spassosa e divertente delle gesta del protagonista e l’interpretazione del personaggio stesso che, esprimendosi in uno spagnolo maccheronico, è reso bizzarro, grottesco e di sicura efficacia comica.

Il pubblico è nello stesso tempo spettatore e protagonista della vicenda e viene più volte direttamente coinvolto nell’azione scenica, sino ad assumere un ruolo di partecipazione attiva. Uno schermo bianco diventa il luogo dove si rappresentano le fantasie di Don Chisciotte e nello stesso tempo, la trasparenza, ne restituisce il messaggio, il contenuto, quello che l’opera vuole dire alle persone del nostro tempo.

Il racconto e l’interpretazione sono accompagnati dalle note della fisarmonica, suonata da un musicista, che diventa anch’esso co-protagonista, assumendo i panni di Sancio Panza, mentre due voci fuori campo ripropongono il dramma tra parole e canto, alternando giochi di luce, trasparenza e proiezione di immagini.

21 agosto, ore 21:15
IL SIGNOR DI POURCEAUGNAC

Commedia in due atti di Molière – adattamento e regia di Fioravante Gaiani
Lampioni storti di Villanova di Camposampiero (PD)

Commedia spumeggiante e irriverente, nata dalla penna di un Molière che si diverte con una satira amara della società del tempo e, in particolare, della borghesia, mettendo sotto i riflettori il pesante ruolo che hanno avuto, e ancora hanno, il pregiudizio e le cosiddette malelingue. Si ritrovano uniti tutti i giovani e meno giovani di un non meglio identificato paese della provincia italiana, per contrastare il matrimonio tra un incolpevole signor di Pourceaugnac e la bella Giulia, a favore dell’amore tra quest’ultima e il giovane Erasto.

Si metterà così in moto una serie di raggiri e si diranno tante maldicenze sul povero Pourceaugnac, finché l’intento dei due innamorati non sarà raggiunto. L’opera, originariamente in tre atti, viene presentata in due tempi. Nel suo adattamento la regia ha cercato di ricreare lo spirito di Molière, e per offrire uno spettacolo leggero e spumeggiante, ha fatto ricorso ad una recitazione sopra le righe e a interventi musicali e di danza.

28 agosto, ore 21:15 (fuori concorso)
HEMINGWAY TRA LE LAGUNE VENETE E CUBA

Teatro Canzone a cura di Giovanni Giusto
Teatro dei Pazzi di San Donà di Piave (VE)

A seguire premiazione del concorso Davide Altieri e Ruggero Sichirollo

Pochi scrittori del Novecento hanno raggiunto la popolarità ed il valore emblematico di Ernest Hemingway: con le sue opere, ma soprattutto con la sua vita spericolata, ha saputo creare l’immagine del grande vecchio virile, coraggioso cacciatore, indomito corrispondente di guerra.

Il racconto spazia dai luoghi sulle sponde del Piave descritti in Di là dal fiume e tra gli alberi, ricordando i posti e gli amici che Hemingway frequentava nei dintorni di Venezia, fino a toccare quei locali cubani che hanno ispirato alcuni dei suoi romanzi più famosi, imbattendosi in ogni sorta di personaggi: star hollywoodiane, gangsters, politici, artisti, letterati. La storia si snoda nel secondo dopoguerra, quando Hemingway ritorna nelle zone tra il Piave e il Tagliamento, innamorandosi della contessina Ivancich, che riaccende la sua vena creativa, che lo porta alla vincita del Premio Pulitzer per Il vecchio e il mare.

NORMATIVA ANTI-COVID:
In ottemperanza alla normativa vigente anti-Covid, si ricorda di indossare la mascherina all’entrata di ogni evento e per ogni spostamento all’interno del parco del Castello.

 

Articolo di Venerdì 30 Luglio 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it