Condividi la notizia

POLESINE

Assonautica, lo statuto nazionale cambia con il contributo di Alba Rosito

Assonautica allarga il perimetro di competenza anche a quella collegata alle acque interne, il contributo per il cambio di rotta arriva proprio da Rovigo

0
Succede a:
Alba Rosito

ROVIGO - C’è anche il contributo di una rodigina in calce al nuovo statuto nazionale di Assonautica: si tratta di Alba Rosito, presidente della sezione Acque Interne Veneto-Emilia e da alcuni mesi membro del direttivo nazionale.

“La revisione che l’assemblea dei soci di Assonautica Italiana ha approvato - spiega - allarga il perimetro di competenza dell’associazione che sarà non più limitato come in passato alla sola economia del mare ma che ora viene esteso anche a quella collegata alle acque interne, ovvero laghi, fiumi e canali navigabili. La modifica dello statuto, voluta dal nuovo presidente Giovanni Acampora, recepisce in modo positivo gli input sui quali da tempo stiamo lavorando con la sezione Veneto-Emilia: l’aver accolto l’economia collegata alla navigazione interna, commerciale e turistica, è una piccola rivoluzione che potrebbe avere importanti ricadute anche per aree lontane dalle coste, dai porti e dalle rotte principali”.

Un passaggio tutt’altro che secondario, destinato ad avere risonanza nazionale (se ne parlerà anche in un convegno ad hoc nell’ambito del prossimo Salone Nautico di Genova) ma anche ripercussioni per il nostro territorio: “Essendo Assonautica Italiana collegata a Unioncamere, ciò significa che la Camera di Commercio di Venezia-Rovigo, che sostiene attivamente la sezione locale, ora guarderà con rinnovato interesse al turismo collegato alle acque interne, come ad esempio i percorsi lungo il Canalbianco, navigabile 365 giorni l’anno, o nel bacino del Po e il suo Delta. Insomma, un risultato non solo storico per la nautica italiana ma anche un’ottima notizia per il turismo veneto e polesano”, chiosa la Rosito. 

Le sezioni Acque Interne che fanno parte di Assonautica nazionale sono 5: oltre a Veneto-Emilia (presieduta da Alba Rosito), sono attive Lazio-Tevere, Liguria, Lombardia e Piemonte-Valle d’Aosta. Il neo presidente nazionale Acampora, numero due di Unioncamere Lazio, è stato eletto a inizio anno dopo la prematura scomparsa del predecessore Alfredo Malacarne, primo ad avviare sezioni locali dedicate alle acque interne e il cui allora braccio destro, Marino Masiero, è attualmente presidente della sezione veneziana con cui Assonautica Veneto-Emilia collabora attivamente e proficuamente da tempo. Alba Rosito è l’unica donna (si tratta anche della prima in senso assoluto) presente in seno al nuovo direttivo, dove siedono in 14 e dove l’ex dirigente sanitario ed ex assessore comunale di Rovigo ha la delega a rappresentare tutte le sezioni Acque Interne italiane.

Articolo di Martedì 3 Agosto 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it