Condividi la notizia

#elezioniFIESSO2021

"Anche da palazzo Madama l'impegno per Fiesso ed i fiessesi non verrà mai meno"

La candidata sindaco Luigia Modonesi tranquillizza gli elettori chiamati a scegliere sindaco e consiglio comunale: "gli incarichi non sono incompatibili, e parlare adesso di elezione in Senato della Repubblica è prematuro"

0
Succede a:
FIESSO UMBERTIANO (Rovigo) – Tranquillizza gli elettori di Fiesso Umbertiano la candidata sindaco Luigia Modonesi (LEGGI ARTICOLO) circa le voci di una presunta incompatibilità tra l’essere primo cittadino e senatore della Repubblica, eventualità possibile, ed anche probabile, dopo il prematuro decesso del senatore veneto Paolo Saviane, scomparso all’età di 59 anni, eletto nel medesimo collegio di Modonesi e Bartolomeo Amidei.

“In questi giorni tanti cittadini di Fiesso mi chiedono delucidazioni riguardanti la mia possibile elezione al Senato e molti di loro esprimono preoccupazione per ciò che concerne la mia campagna elettorale per le prossime amministrative del 3 e 4 ottobre, da voci circolanti, percepiscono una possibile incompatibilità tra le due cariche istituzionali" riporta Modonesi.

"Credo, quindi sia indispensabile che offra un chiarimento riguardante la mia candidatura al Senato, per la quale non c'è ancora nulla di certo in quanto si tratterà di un’operazione abbastanza complessa e quindi voglio essere cauta nelle mie espressioni ma è indispensabile per me tranquillizzare i miei concittadini, dando loro giuste informazioni.

Di certo c’è - afferma Luigia Modonesi - che per ora mi impegnerò nella campagna elettorale che a breve inizierà e se avrò anche la possibilità di essere scelta come prossimo senatore, sicuramente i miei impegni aumenteranno esponenzialmente ma non abbandonerò di sicuro il mio paese ed i fiessesi, sarà un'occasione per portare ancora più valore al mio territorio; credo che un ruolo di senatore portato avanti da una fiessese, non sia mai capitato fino ad ora, e ciò potrebbe solo inorgoglire i miei concittadini: mi si conosce bene e, penso ci sia piena coscienza sul fatto che lavorerò solo per la nostra comunità, per il Polesine e per tutte quelle situazioni che necessiteranno di trovare una giusta soluzione.

I due incarichi istituzionali di Sindaco e Senatore non sono incompatibili per legge e coloro che lo affermano, o parlano per disinformazione, e ciò lo posso accettare, oppure vogliono intenzionalmente mettere ombre sul mio futuro di amministratore pubblico; mai accetterei di mettermi a capo di una lista per le prossime elezioni comunali di Fiesso se ci fosse il rischio, anche minimo, di poi dover riportare il paese alle urne per incompatibilità tra le due cariche istituzionali, se così fosse, avrei già messo da parte una delle due opportunità.

Se avrò la fortuna di sedere su di una “poltrona” a Roma per me non sarà una posizione confortevole e sicura, bensì questo incarico costituirà un mezzo per lavorare intensamente per dare risposte ai bisogni essenziali di tutti gli italiani ed essere un riferimento certo per il mio territorio.

Quindi, per il momento, direi che si deve attendere la decisione della Giunta per le elezioni del Senato, sarà questo organismo a decretare o meno la mia nomina”.

 
Articolo di Sabato 28 Agosto 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it