Condividi la notizia

CULTURA

Due giorni di arte a San Bellino, successo di pubblico

Una due giorni intensa con grandi ospiti del panorama nazionale alla sesta edizione di Cantiere Arte, il festival della creatività, dei beni culturali e dello spettacolo di San Bellino (Rovigo)

0
Succede a:

SAN BELLINO (Rovigo) - Il weekend appena conclusosi ha visto in scena a San Bellino la sesta edizione di Cantiere Arte, il festival della creatività, dei beni culturali e dello spettacolo. Una due giorni intensa con grandi ospiti del panorama nazionale ma anche con una particolare attenzione alle realtà e ai professionisti del territorio polesano, tra cui Minimiteatri con la lettura dedicata a “Bella e Chagall” e l’attore Luigi Marangoni con il suo reading poetico “Il mare d’amore di Ero e Leandro”. Gli spazi della Vetreria d’Arte Tomanin e la nuova Piazza Giovanni Tasso hanno ospitato un susseguirsi di incontri con l’autore, reading teatrali, performance e installazioni. “Dopo lo stop forzato dello scorso anno sentivamo il bisogno, il dovere ma soprattutto la volontà di ridarci appuntamento con Cantiere Arte. La sfida che ci siamo posti in questi anni, e che mi auguro si sia sempre più raggiunta, è stata quella di rendere un piccolo paese veneto la sede di un vero e proprio festival consolidato dove poter conoscere e approfondire le arti visive e l’archeologia” afferma l’assessore Raffaele Campion, ideatore e direttore di Cantiere Arte.

Il festival, dopo un’anteprima dedicata alle arti orientali e occidentali che ha registrato il tutto esaurito e che visto una forte collaborazione con l’impresa Antiche Distillerie Mantovani, è stata anche l’occasione per inaugurare il restauro della storica fontana del centro. Tanti i cittadini, i visitatori e gli amministratori dei Comuni vicini che insieme agli organizzatori del festival e al sindaco Aldo D’Achille hanno partecipato al momento, impreziosito dal Gruppo Danze Antiche di Villadose.

Dal pomeriggio alla sera di sabato scorso il giardino della Vetreria Tomanin è stato il teatro di incontri, il cui via è stato dato da Andrea Angelucci, l’Art Rider in onda su Rai 5 che viaggia alla scoperta dei luoghi meno conosciuti e più segreti d’Italia. Accompagnato dagli inseparabili taccuini l’archeologo ha raccontato alcuni aneddoti dei suoi viaggi tra cui l’itinerario alla scoperta del Veneto. Si è proseguito poi con scrittori del calibro di Riccardo Falcinelli, uno dei più importanti graphic designer italiani e autore di “Cromorama” e “Figure” dal grandissimo successo editoriale. La storica dell’arte Allegra Iafrate, arrivata direttamente da Bruxelles, dove si trova in missione culturale per conto del Ministero degli Affari Esteri, ha presentato invece per la prima volta live il libro “Cercar tesori”, un prezioso saggio che ripercorre le tracce di un viaggio appassionante, dal tesoro di Salomone al Sacro Graal fino alla magica grotta di Ali Babà.

L’evento è stato chiuso dalle parole della presidente della Biblioteca Sara Caraccio che nel sottolineare il non trascurabile lavoro necessario di programmazione e organizzazione, per una realtà che si autosostiene, ha espresso la sua piena soddisfazione per la partecipazione di un pubblico numeroso e interessato.

Articolo di Domenica 5 Settembre 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Spettacoli e Cultura

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it