Condividi la notizia

EDUCARE

Bambini a contatto con la natura e gli animali, Costa di Rovigo vince il bando del Ministero

87mila per realizzare assieme ad 11 partner il progetto dedicato all'infanzia 6-13 anni che porterà a sperimentare la natura, scoprire il territorio e avvicinare gli animali. "Siamo orgogliosi" dice il sindaco Gian Pietro Rizzatello

0
Succede a:
COSTA DI ROVIGO - A Costa di Rovigo città sempre più per i bambini e le famiglie. Il Comune, unico in Veneto tra 25 in Italia, ha vinto il bando ministeriale per il progetto per l’infanzia Naturalmente Insieme. Questo si tramuta in una attività extrascolastica per la fascia 6-13 anni estremamente variegata ed interessante, costruita assieme agli 11 partner del Comune, che ha per obiettivo di portare ad avvicinare e scoprire, con responsabilità e divertimento, i bambini alla natura e agli animali. Gli 11 partner con la propria specificità, ognuno con il proprio valore aggiunto, sono: l’ordine dei medici, l’ordine dei veterinari, il Wwf, Legambiente, Lipu, la Lega del Cane, Coldiretti, Fiab, Cras, Fondazione Aida.
 
L’attività partirà a ottobre e sarà rivolta ai 130 bambini residenti nel Comune di quella fascia d’età, più i compagni che frequentano la scuola di Costa pur non essendo residenti nel territorio comunale
 
“Sono orgoglioso di questo riconoscimento che non solo porta 87mila euro sul territorio da dedicare ai nostri bambini, ma riconosce il valore delle nostra attività e ci permette di cogliere opportunità storiche importanti per il nostro comune” dice il sindaco Gian Pietro Rizzatello. “Siamo anche fortunati - spiega il vicesindaco Cristiano Villa - perché abitiamo in campagna, ma questo ci dà l’opportunità per realizzare esperienze a 360 gradi per i nostri bambini e ragazzi: dalla liberazione di animali rapaci, all'incontro in qualche fattoria didattica con sperimentazione dal vivo, dal spostarci tutti in bicicletta nel conoscere il nostro territorio, all’uscita nel delta del po. Nel nostro progetto abbiamo coinvolto il Muse di Trento e l'attività teatrale”. 
 
E’ la funzionaria Maria Basso a spiegare la genesi: “Abbiamo partecipato al bando pubblico Educare, abbiamo scelto una delle 4 tematiche proposte dal ministero: tutela dell'ambiente e della natura. Il Ministero ha dato il benestare. Il nostro obiettivo è educare i bambini in maniera informale, fondandosi sul contatto diretto con la natura, l'ambiente e gli animali, attraverso e soprattutto attività ed esperienza dirette. Tutto ciò anche per compensare la vita non attiva e di chiusura che il Covid ci ha imposto”..
 
"Spero di essere un comune aprifila - conclude Rizzatello - che dimostri come attraverso i bandi nazionali possiamo realizzare l’auspicata transizione, ove siamo davvero molto indietro, i soldi in stanziamento ci sono. Collaborare con tante belle associazioni è per noi motivo di vanto. Mi auguro che il passa parola porti ad un confronto su questi argomenti con molte altre amministrazioni”. 
 
Articolo di Domenica 19 Settembre 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it