Condividi la notizia

LETTERATURA

Il libro di Beatrice Di Meo dedicato al padre vale la vittoria del premio Dispatriati

Beatrice Di Meo a Jesolo, all'intenro del festival Sì Viaggiare, domenica 19 settembre settembre ha ricevuto il primo premio del concorso letterario Dispatriati

0
Succede a:
JESOLO (VENEZIA) - Beatrice Di Meo, rodigina ex professoressa di lettere ora in pensione e già assessore al Sociale del Comune di Rovigo, vince il premio letterario Dispatriati, giunto alla sesta edizione. Il suo ultimo lavoro, un romanzo manoscritto che sta attendendo la stampa, si intitola “Luigi” ed è dedicato alla figura del padre. La premiazione è avvenuta domenica 19 settembre all’interno di “Sì viaggiare, il Festival della letteratura” organizzato dal Comune di Jesolo, Regione Veneto e la Casa editrice Mazzanti Libri.

La vittoria del premio, sostenuto dalla Fondazione Filitalia International, permetterà la pubblicazione del libro da Mazzanti Editori che avverrà a fine anno.
Il testo narra la storia di un cugino del padre dell’autrice di cui non si conosceva l’esistenza, che si è venuta a scoprire attraverso delle cartoline rinvenute dopo la morte del padre. Il cugino era emigrato negli Stati Uniti, a Brooklyn e a partire da queste lettere che appariranno sul libro verrà raccontata tutta la storia.
La vittoria è stata una sorpresa per Di Meo, “era per me una grande soddisfazione essere arrivata tra in finalisti, ma la vittoria inaspettata mi ha riempita di gioia” ha detto. Un momento di festa dal palco del teatro Vivaldi di Jesolo, che ha visto la presentazione di Monica Vallerini e in collegamento da Filadelfia il presidente del premio Pasquale Nesti.
Articolo di Martedì 21 Settembre 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Spettacoli e Cultura

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it