Condividi la notizia

CULTURA

Anche a Badia riparte l’Università popolare

A Badia Polesine (Rovigo), l’apertura del nuovo anno accademico vedrà una esibizione di tango a cura di Sara Forzato sul tema: musica, cultura e linguaggio del corpo

0
Succede a:
Enzo Ortolan
Sara Forzato

BADIA POLESINE (Rovigo) - Martedì 5 ottobre alle 16 in sala Soffiantini in via Cigno,45, partirà il nuovo anno accademico dell’associazione Università popolare polesana. Il coordinatore professor Enzo Ortolan fa sapere che l’anno riparte con un rinnovato programma di attività culturali e formative, rivolto a tutte le età. “Anche quest’anno, saranno proposti progetti che mirano ad una formazione sempre più qualificante e ad un dialogo sempre più fruttuoso ed interdisciplinare con la società e il territorio circostante”. A Badia Polesine, l’apertura del nuovo anno accademico vedrà una esibizione di tango a cura di Sara Forzato sul tema: musica, cultura e linguaggio del corpo.

Le lezioni proseguiranno poi nella stessa sala Soffiantini, tutti i martedì e giovedì dalle 15,30 alle 17 fino al 3 maggio, per un totale di 55 lezioni. Nel corso dell’inaugurazione saranno anche comunicate informazioni in merito ai corsi pratici di lingue straniere, informatica e ginnastica, ed anche relativamente alle visite guidate e viaggi organizzati. In ogni caso i programmi e le attività saranno disponibili anche sul sito www.unipoppol.csvrovigo.it. Per l’iscrizione è sufficiente compilare l’apposito modulo e consegnarlo al Coordinatore della sede locale, con la ricevuta di versamento postale o bancario.

Le attività culturali sono aperte a tutti, senza distinzioni, e in quest’anno accademico si svolgeranno in presenza nel pieno rispetto delle normative anti-covid, ovvero con possesso del Green pass, l’utilizzo della mascherina e il rispetto del distanziamento.

UMB

Articolo di Lunedì 4 Ottobre 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Spettacoli e Cultura

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it