Condividi la notizia

COMUNE

Incentivo da 1000 euro per i nuovi abitanti, si replica

Finanziato col taglio delle indennità della Giunta, l’incentivo premia le nuove residenzialità nel comune di Badia Polesine (Rovigo) con un “bonus” da mille euro

0
Succede a:

BADIA POLESINE (Rovigo) - C’è tempo fino al 31 dicembre per beneficiare del “bonus residenti”, ideato dall’Amministrazione Rossi nel 2020 per contrastare  il decremento della popolazione e riproposto anche nel 2021.  Finanziato col taglio delle indennità della Giunta, l’incentivo premia le nuove residenzialità in Badia con un “bonus” da mille euro, riproposto anche quest’anno a favore di dodici nuclei familiari in possesso di alcuni requisiti, che dovranno essere riportati nella domanda da presentare agli uffici comunali entro il prossimo 31 dicembre.

Nella domanda, che ricalca quella del bando lanciato l'anno scorso, gli interessati dovranno precisare la composizione del proprio nucleo familiare e se l’immobile di residenza è in proprietà o in locazione, precisandone in questo caso la durata. In presenza di un numero superiore a 12  richieste, sarà stilata una graduatoria che darà precedenza, nell’ordine, a chi risiede in un immobile di proprietà, al nucleo familiare più numeroso, o ancora al richiedente che già era residente nella Regione Veneto. In caso di parità sarà data precedenza al richiedente più giovane e, in caso di ulteriore parità, sarà considerata la data di iscrizione all’anagrafe della popolazione residente. Qualora il beneficiario si trasferisca in altro Comune prima che sia trascorso un anno dall’assegnazione del “bonus”, dovrà restituire la somma percepita.

L'anno scorso erano giunte in Municipio 60 domande, dato che conferma la bontà dell’idea elaborata dalla Giunta Rossi.

D’altra parte il tema del calo demografico, che più volte ha fatto capolino in aula consigliare, è un problema generale che coinvolge un po’ tutto il Polesine e che potrebbe mettere a rischio, in un prossimo futuro, la permanenza di servizi indispensabili, specie in ambito scolastico e socio-sanitario anche a Badia. Con questo provvedimento finalizzato ad attrarre giovani coppie, l’Amministrazione guidata da Giovanni Rossi dà un segnale concreto per contrastare il progressivo invecchiamento della popolazione attiva che, insieme alla riduzione delle nascite, sta portando al declino demografico della città, ormai scesa inesorabilmente sotto la soglia dei 10mila abitanti.

Ugo Mariano Brasioli

 

Articolo di Lunedì 11 Ottobre 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it