Condividi la notizia

RALLY ADRIA

Il Tcr Italy è di Bolza Corse con Babuin

Il pilota di Azzano Decimo regala all'adriese (Rovigo) Bolza Corse il titolo tricolore, tra le vetture DSG, centrando il bersaglio grosso nell'anno di debutto nella serie tricolore

0
Succede a:
ADRIA (Rovigo) - Cala il sipario sul Tcr Italy 2021 ed in casa Bolza Corse iniziano i festeggiamenti per aver fatto il colpo grosso, ponendo la firma sulla serie tricolore riservata alle vetture turismo, tra le DSG, al termine di una stagione di alto spessore. Dopo un secondo posto, siglato ad inizio Maggio in gara 1 a Monza, Denis Babuin si è dimostrato autentico mattatore in classe TCDS, portando la Cupra Leon TCR della compagine adriese sul gradino più alto del podio per ben sette volte consecutive, interrompendo la serie positiva soltanto nel penultimo appuntamento di campionato, nella prima sfida di Imola due.

Con il successo di gara due, nel medesimo weekend, il pilota di Azzano Decimo chiude la stagione con otto vittorie, un secondo e due terzi posti, questi ultimi firmati in un recente fine settimana, quello del Mugello, caratterizzati da una dea bendata che ha guardato altrove. In terra di Toscana al portacolori della squadra corse polesana bastava soltanto arrivare nella prima tornata, per garantirsi il titolo, ma la trasferta si rivelava più insidiosa di quanto previsto.

Dopo aver effettuato qualche prova di setup durante le libere, con il friulano impegnato a riprendere confidenza con un tracciato dal quale latitava da svariate stagioni, al termine delle qualifiche la musica non cambiava e Babuin si confermava ancora il numero uno tra le DSG. Scattato dalla pole position arrivava il primo colpo di scena, una toccata nel secondo giro, nella parte iniziale del circuito, generava un taglio su una gomma e lo costringeva a stringere i denti, arrivando nella pit lane sul cerchio ma riuscendo a riprendere il via, pur in fondo al gruppone.

Nonostante i due giri persi, nella disavventura, i pochi punti mancanti venivano raccolti ed un titolo più che meritato poteva finalmente entrare nella bacheca di Bolza Corse.

“Siamo stati protagonisti per tutta la stagione – racconta Babuin – ed abbiamo dimostrato, sul campo, che eravamo molto competitivi. Abbiamo vinto otto volte, su dodici manche a
disposizione, e questo la dice lunga su quanto abbiamo realizzato quest'anno. Merito mio, sicuramente, ma anche di una squadra altamente professionale come si è dimostrata Bolza Corse. È stato il mio primo anno con loro e sono certo che, in futuro, potremo crescere ancora.”

Con il campionato ormai vinto gara 2 consentiva a Babuin di correre libero da ogni pressione e, grazie ad una partenza fulminea, si presentava tra i grandi, viaggiando settimo assoluto.

Una toccata, purtroppo, metteva fine alla cavalcata, a causa del cedimento di una sospensione posteriore, ma le basi per il rilancio di una nuova ed elettrizzante sfida erano già state gettate. A completare il bottino TCR Italy dell'azzanese arriva anche il secondo nella Coppa Nazionale Tcr Italy Michelin ed un buon dodicesimo nella classifica generale finale.

“Abbiamo dimostrato di poter dire la nostra anche tra i grandi – Paola Bolzoni (presidente Bolza Corse) – e lo abbiamo fatto di squadra, grazie a Denis ed a tutti i nostri ragazzi. Siamo felicissimi. Siamo una piccola realtà che si affaccia tra i grandi e, nel 2022, lo faremo passando nella categoria maggiore. Stiamo valutando diverse opzioni ma la nuova Audi ci fa molta gola.”
 
Articolo di Martedì 12 Ottobre 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it