Condividi la notizia

CALCIO

Dalle giovanili alla prima squadra: Destra Adige carica di entusiasmo

Il vivaio della Destra Adige 2021 (Rovigo) ha finalmente iniziato l'attività sportiva. La prima squadra dopo le prime quattro giornate si trova al terzo posto a quota 6 punti

0
Succede a:

SAN MARTINO DI VENEZZE (Rovigo) - La neonata società rivierasca presieduta da Carlo Pavanini, sorta quest'estate dalla fusione tra Union San Martino e Beverare, ha schierato ai nastri di partenza ben quattro categorie giovanili, con una cinquantina di tesserati, oltre alla prima squadra.

I più piccoli sono i Primi calci, con le annate 2013-2014, di cui fanno parte anche tre bambine, seguiti da Cristian Spada; a seguire la categoria Pulcini, con le annate 2011 e 2012, allenati da Massimo Suman; gli Esordienti, con le annate 2009 e 2010, diretti da Johnny D'Alesio e, infine, gli Allievi provinciali allenati da Mario Terrentin.

La prima squadra, condotta da "Encio" Gregnanin, disputa il campionato di Prima categoria, inserita nel girone G, assieme alle altre due polesane Pettorazza e Tagliolese, oltre a Cavarzere, Cartura, Torre, Pontecorr, Janus, Sacra Famiglia, Montegrotto, San Pietro, San Marco, Codevigo e Due Stelle.

Dopo le prime quattro giornate, i biancorossoblu si trovano al terzo posto a quota 6, assieme a Torre, Pontecorr e Janus, dietro alla capolista Cavarzere con 12 punti e a Cartura e Sacra Famiglia con 8. In quattro partite i ragazzi di Gregnanin hanno ottenuto due vittorie (6-3 sui cugini e rivali del Pertorazza e 2-1 fuori casa domenica scorsa con lo Janus) e due sconfitte con Cavarzere (2-1) e San Marco (1-0). Domenica prossima i rivieraschi se la vedranno contro i padovani dell'Odm San Pietro tra le mura amiche del "Celestino Celio" di San Martino.

Per la Destra Adige 2021 del presidente Pavanini sarà l'anno zero, per ripartire con nuovo entusiasmo e nuove energie, offrendo la possibilità a numerosi bambini e ragazzi di crescere in compagnia, tra divertimento e rispetto reciproco, e per la prima squadra disputare un campionato ostico ma suggestivo come la Prima categoria, per fare esperienza, ma facendosi valere anche contro formazioni più blasonate e giocarsela sempre fino in fondo.

Articolo di Mercoledì 13 Ottobre 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Sport

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it