Condividi la notizia

ARTE COSTA DI ROVIGO

Deltarte arriva anche a Costa di Rovigo

13 murales realizzati in tutto il polesine (Rovigo) ora il festival arriva direttamente presso una scuola inclusiva di Costa di Rovigo per dare nuovi spunti

0
Succede a:
COSTA DI ROVIGO (Rovigo) - Una scuola inclusiva, accogliente, creattiva, ossia creativamente attiva, che metta al centro la solidarietà tra gli alunni: così il festival itinerante DeltArte, grazie al talento della giovane writer Kiki Skipi,immagina la comunità scolastica. Taglio del nastro sabato mattina all'Istituto comprensivo di Costa di Rovigo, della nuova e poetica opera di street art che si aggiunge agli altri 13 murales realizzati in questa ricca IX edizione, che ha come leit-motiv l'importanza della memoria nelle giovani generazioni.

All'inaugurazione erano presenti Kiki Skipi, giovane artista sarda, conosciuta a livello nazionale; Melania Ruggini, ideatrice e curatrice del festival di arte urbana; il primo cittadino, Gian Pietro Rizzatello e il vicesindaco Cristiano Villa; il dirigente scolastico Nello Califano e i ragazzi di prima, seconda e terza media, assieme ai loro docenti e al sindaco dei ragazzi.

Come ha esordito il primo cittadino, il Comune è candidato a capitale nazionale del libro 2022. Questa candidatura nasce dopo il riconoscimento di Città che legge, ricevuto dal Centro per il libro e la lettura. Il murales di Kiki Skip ben rappresenta il valore del libro come strumento fondamentale per la crescita di ogni persona, a partire dalla scuola.

A descrivere questa colorata opera di street art ci ha pensato il sindaco dei ragazzi: "Nella scuola il percorso è in salita - ha detto Elia, in rappresentanza di tutti gli alunni- tuttavia la salita è anche ascesa, crescita e infatti alla fine del nostro percorso realizziamo i nostri sogni, scopriamo i nostri interessi e i nostri talenti. Una volta arrivati in vetta, siamo arricchiti da ciò che abbiamo imparato nel nostro cammino e siamo pronti a un nuovo percorso".

Nel disegno si vedono tanti ragazzi e ragazze, bambini e bambine, che si aiutano vicendevolmente a salire lungo il percorso di crescita che la scuola porta avanti ogni giorno.

"Per noi è un messaggio bellissimo - ha concluso Elia-  perché la scuola è una comunità in cui si collabora, si viaggia insieme, in compagnia dei nostri amici. E' bello vedere ogni giorno questa parete colorata che ci accoglie, perché rende più piacevole venire a scuola e rende più bella la nostra piccola città".

L'artista, che non ha nascosto l'emozione per lo slancio e le parole degli alunni, ha sottolineato come sia importante non dare per scontato l'esistenza della scuola, dato che ancora oggi tanti bambini non possono studiare per povertà o guerre o per situazioni svantaggiate. La curatrice del festival racconta: "Abbiamo scelto questa giovane artista per il potere evocativo e onirico delle sue opere. Anche in questo caso, Kiki è riuscita con estrema semplicità e spontaneità a raccontare il sogno di una scuola alla portata di tutti, dove non esistono barriere ma ci si tende la mano e si cammina insieme ogni giorno".

"Quest'anno il festival ha puntato molto sulla presenza di giovani donne artiste, per farle conoscere e amare dal nostro pubblico".

Ruggini conclude dando un nuovo appuntamento: "Per noi lavorare nelle scuole con i ragazzi e i loro insegnanti è la più grande soddisfazione, una missione sociale che l'arte è in grado di rendere arricchente. Dopo il comune di Costa, DeltArte approderà a Rovigo nella scuola media Bonifacio di via della Costituzione, dove da lunedì 18 ottobre, tutti i lunedì pomeriggio fino al 6 dicembre, un'altra artista illustratrice, Giulia Alessio, darà vita a un'opera collettiva di street art con gli alunni".
Articolo di Domenica 17 Ottobre 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it