Condividi la notizia

POLIZIA DI STATO

La Questura di Rovigo ricorda l’eroe Samuele Donatoni, Medaglia d’oro al Valor Civile

L’agente dei Nocs, originario di Canaro (Rovigo), fu ferito mortalmente il 17 ottobre 1997 durante l’operazione tesa alla cattura dei responsabili del sequestro dell’industriale bresciano Giuseppe Soffiantini. Rovigo non dimentica il suo sacrificio

0
Succede a:

ROVIGO - In occasione del 24° Anniversario della morte dell’Ispettore della Polizia di Stato Samuele Donatoni, Medaglia d’oro al Valor Civile, lunedì 18 ottobre, alle ore 10 e 15 è stata deposta una corona di alloro alla lapide in Questura.

Presenti i familiari, il Questore Raffaele Cavallo, il vicario del Prefetto Rosa Correale, il sindaco di Rovigo Edoardo Gaffeo, quello di Canaro Alberto Davì, Antonio Laruccia per la Provincia di Rovigo, e diversi funzionari della Polizia di Stato.

Successivamente, nella Sala Convegno della Questura è stata celebrata la Santa Messa.

Com’è noto, il 17 ottobre 1997, in località Riofreddo (AQ), nel corso di un’operazione di polizia tesa alla cattura dei componenti di una pericolosa organizzazione criminale, responsabile del sequestro dell’industriale bresciano Giuseppe Soffiantini, l’Ispettore della Polizia di Stato Samuele Donatoni, nato a Canaro (Rovigo) il 4 marzo 1965, in servizio presso il Nucleo Operativo Centrale di Sicurezza (Nocs), venne ferito mortalmente.

L’azione determinata della Polizia di Stato, grazie al generoso sacrificio dell’Ispettore Donatoni, consentì poi la liberazione dell’industriale e costituì senz’altro un forte deterrente nei confronti delle organizzazioni criminali dedite a tale tipo di reato.

Con Decreto del Presidente della Repubblica del 18 maggio 1998, è stata conferita alla memoria dell’Ispettore Donatoni la Medaglia d’oro al Valor Civile.

Samuele Donatoni si era arruolato in Polizia nel 1984, come Agente Ausiliario.

Dopo la frequenza del corso per Agente Effettivo fu assegnato alla Questura di Ferrara ove prestò servizio per un breve periodo, per trasferirsi a Roma dove superò impegnative selezioni per entrare nel Nucleo Operativo Centrale di Sicurezza (Nocs).

Il 17 ottobre 1997 viene ferito mortalmente a Riofreddo (l’Aquila) nel corso di un conflitto a fuoco ingaggiato con i sequestratori dell’industriale bresciano Giuseppe Soffiantini.

 

 

 

Articolo di Lunedì 18 Ottobre 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it