Condividi la notizia

ECOLOGIA

1.000 chili di rifiuti raccolti a Mazzorno Destro

Nella mattinata di domenica 7 novembre una settantina di militanti in Plastic Free si è riunita sopra l'argine del Po nella frazione di Taglio di Po (Rovigo) per dare una mano all'ambiente

0
Succede a:
TAGLIO DI PO (Rovigo) - Domenica 7 novembre una settantina di associati e volontari Plastic Free Onlus hanno risposto all'appello del referente regionale Riccardo Mancin e
si sono radunati nell'area golenale presso l'attracco sul fiume Po, in località Mazzorno Destro, frazione di Taglio di Po. L'obiettivo era ripulire due tratti arginali lungo i quali, dopo un recente sfalcio, era emersa una quantità importante di rifiuti di vario genere, in maggior parte depositati dal fiume in occasione delle piene ma anche gettati appositamente e abusivamente dalla strada.

Il tam tam sui social ha portato a Mazzorno Destro persone da Ferrara, Comacchio, Cittadella, Bassano del Grappa, Padova e tutto il Polesine, giunte con grande energia e
determinazione per ridare un pò di respiro al Grande Fiume. Dopo l'accoglienza di rito i volontari in maglia blu con tartaruga si sono divisi in due gruppi, raccogliendo in sole due ore circa 1000 kg. di rifiuti, soprattutto plastici.

Non sono mancati gli ingombranti e un intero divano ridotto a brandelli dal mezzo meccanico che, sfalciando l'argine, ha triturato qualsiasi cosa incontrasse sul suo passaggio. "Il tempo è stato clemente e ci ha concesso una mattinata meravigliosa. Mi è piaciuto vedere le famiglie con i bimbi all'opera, impegnati a dare un piccolo ma significativo contributo - commenta Mancin - Sapevo che il bottino sarebbe stato di impatto ma la cosa che dovrebbe far riflettere è che tutto ciò è stato recuperato in un solo kilometro di sponda e solo perchè hanno sfalciato, altrimenti sarebbe rimasto tutto lì, invisibile, inglobato dalla vegetazione e dal terreno per centinaia di anni."

Reazione di sorpresa anche per i volontari stessi, di fronte a tantissimi rifiuti. "Immaginiamo la quantità che troveremmo nei 652 km della sua complessiva lunghezza e
raddoppiamoli, viste le due sponde. Ne uscirebbe una cifra clamorosa. - prosegue Mancin - Il Po trasporta ogni anno 4000 tonnellate di microplastiche nell'Adriatico, con ripercussioni sugli ecosistemi fluviali e marini, oltre che sull'uomo. E' importante che le istituzioni agiscano con coraggio a monte, con interventi concreti, mentre noi come cittadini
possiamo e dobbiamo ridurre la produzione di rifiuti plastici oltre a raccogliere, dove possibile, tutti quelli dispersi nell'ambiente."


Infine i ringraziamenti del referente regionale: "Grazie ad Ecoambiente ed all'Amministrazione Comunale di Taglio di Po nelle veste del vicesindaco Alberto Fioravanti, in prima linea insieme ai volontari. Per aver reso possibile il terzo tempo finale un ringraziamento va anche al Panificio Girotti, Prix supermercati, Andrea Milani rivendita bevande e al fantastico staff del Comitato di Mazzorno Destro per l'accoglienza e l'ospitalità."

La missione di sensibilizzazione di Plastic Free continua imperterrita su tutto il territorio nazionale e nel Veneto proseguiranno gli appuntamenti di raccolta oltre agli incontri dei referenti della Onlus nelle scuole per informare i più piccoli sulla tematica. Chi volesse unirsi alle passeggiate ecologiche può farlo restando aggiornato seguendo i gruppi Facebook Plastic Free Veneto e Plastic Free Rovigo.
Articolo di Lunedì 8 Novembre 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it