Condividi la notizia

CULTURA

La parola ai sax

Settimo appuntamento de “La Domenica ai Concordi”, XIII edizione di Musica e Poesia e XXVI edizione di Musica e Pittura, organizzata da Conservatorio di Musica Francesco Venezze, Fondazione Banca del Monte di Rovigo e Accademia dei Concordi

0
Succede a:

ROVIGO - Si è tenuto domenica 21 novembre presso la Sala Oliva dell’Accademia dei Concordi di Rovigo il settimo appuntamento de “La Domenica ai Concordi”, XIII edizione di Musica e Poesia e XXVI edizione di Musica e Pittura, organizzata da Conservatorio di Musica Francesco Venezze, Fondazione Banca del Monte di Rovigo e Accademia dei Concordi in collaborazione con Fineco Bank.

L’evento si è aperto con la terza delle relazioni di Pier Luigi Bagatin dedicate alla “fortuna” di Dante e della Commedia nelle edizioni lungo i secoli: se il Seicento fu particolarmente “stitico” verso Dante, nel secolo dei Lumi si assiste invece ad una copiosità di nuove edizioni tra cui emerge in particolare quella monumentale in tre volumi di Antonio Zatta (Venezia, 1757) arricchita da ben 106 incisioni, le più significative delle quali sono state mostrate e commentate.

Il programma musicale, introdotto da Giuseppe Fagnocchi e analizzato da Fabiana Sommariva, era imperniato sul quartetto di saxofoni, una formazione che coniuga l’omogeneità strumentale del quartetto d’archi con la concezione del consort vocale anche per il diverso taglio dei quattro strumenti: sax soprano, contralto, tenore e baritono. Non a caso il titolo del concerto “La Parola ai Sax” indicava la provenienza vocale della maggioranza delle composizioni eseguite, dalla trecentesca Virgo splendens, al mottetto O bone Jesu di Palestrina, dai due madrigali di Gesualdo da Venosa - nell’elaborazione di un compositore contemporaneo, Salvatore Sciarrino - al celebre Largo da Serse di Händel. La Marcia nuziale di Mendelssohn, ampiamente ricorrente nella Montagna Magica di Thomas Mann e le Sechs Bagatellen dell’ungherese György Ligeti, che dichiarò di aver iniziato a comporre musica dodecafonica orientandosi su quanto descritto nel Doctor Faustus di Mann confermavano il fil rouge imbastito dal Conservatorio con il grande letterato nei propri corsi in DAD e ora offerto al pubblico dei concerti, mentre il suggestivo finale Agnus Dei (1968) di Samuel Barber riportava alla mente le terzine dantesche dedicate a questa invocazione, chiudendo così il cerchio di sette secoli di musica.

Un impaginato, pertanto, tutto di trascrizioni e di linguaggi diversissimi tra loro nel quale il Venezze Saxophone Quartet formato da Marco Brusaferro sax soprano, Nicola Cecchetto sax contralto, Giacomo Semenzato sax tenore e Jacopo Borin sax baritono ha saputo creare, con grande disinvoltura, suggestioni sonore sempre cangianti, grazie alla notevole sicurezza tecnica, all’attento impasto ed equilibrio tra le singole parti, alla precisione dell’intonazione, ma soprattutto all’espressione intensa dei temi che si intrecciavano tra i quattro strumenti, una “Parola” che non aveva davvero bisogno di altri linguaggi, ma giungeva diretta e commossa all’ascoltatore nelle sue diverse declinazioni: di anelito religioso, di passioni umane, di drammi del secolo scorso e di speranza finale nel pezzo di Barber. L’elevata qualità delle esecuzioni ha dato del Venezze Saxophone Quartet un’immagine di spiccata ed elevata professionalità, merito dei quattro studenti, ma anche del lavoro metodico e sapiente svolto con Fabio Petretti docente di Saxofono e, in particolare per questo concerto, con Daniela Borgato docente di Musica d’Insieme Fiati.

Completavano il quadro complessivo dell’evento lo Staff Sicurezza Eventi del Conservatorio, il montaggio di testi e immagini che scorrevano sul programma a cura di Anna Bellagamba e una piccola mostra in entrata dedicata ai programmi musicali eseguiti nelle strutture alberghiere, termali e di cura mitteleuropee nel primo decennio del Novecento di cui ci parla Thomas Mann nella Montagna Magica.

La registrazione audio/video del concerto sarà pubblicata su youtube attraverso link ad uno dei seguenti siti:

www.fondazionebancadelmonte.rovigo.it  www.conservatoriorovigo.it www.concordi.it

Articolo di Lunedì 22 Novembre 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Spettacoli e Cultura

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it