Condividi la notizia

APPROVAZIONE PORTO TOLLE

Approvato il piano d'eliminazione delle barriere architettoniche a Porto Tolle

Nell'ultimo consiglio comunale di lunedì 29 novembre è stato approvato il Peba, per dare un segnale importante a tutte quelle persone che ne avevano bisogno (Rovigo)

0
Succede a:
PORTO TOLLE (Rovigo) - Nel corso del consiglio comunale svoltosi lunedì 29 novembre è stato approvato all’unanimità il Piano di Eliminazione delle Barriere Architettoniche (PEBA). Trattasi di uno strumento di programmazione che si pone come obiettivo l’eliminazione delle barriere architettoniche ancora esistenti sia all’interno degli edifici pubblici sia sui percorsi urbani.

L’assessore Raffaele Crepaldi: “Sono felice di poter presentare oggi un piano che consentirà a Porto Tolle di accrescere la qualità della vita di tutti i cittadini attraverso lo sviluppo della qualità del design urbano. L’abbattimento delle barriere architettoniche non è infatti un’esigenza legata esclusivamente ad un obbligo normativo ma anche ad un ambito ideologico".

"Si è passati da un modello medico ad uno di tipo sociale che intende la disabilità come una condizione di salute all’interno di un ambiente sfavorevole e, come tale, esperienza umana universale, che tutti possono vivere nel corso della loro esistenza. Il rispetto dei requisiti normativi è punto di partenza e non di arrivo per rendere il PEBA uno strumento mutevole, in aggiornamento, che segue l’obiettivo di dare risposta alle esigenze della comunità seguendo l’approccio indicato dai principi del Design cosiddetto Universale, rivolti ad un’utenza universale”.

“Sono inoltre due le considerazioni strettamente legate alla realtà di Porto Tolle. Quella legata all’invecchiamento della popolazione e quella legata al turismo. Il crescente invecchiamento della popolazione, porta con sé la comparsa di situazioni di disabilità con conseguente necessità di adattamento del patrimonio immobiliare e di miglioramento della fruibilità e la sicurezza dei servizi”. Spiega l’assessore.

“La vocazione turistica del nostro comune richiama poi la necessità di rendere il territorio fruibile e di intercettare la domanda di turismo accessibile. Le strutture turistiche, gli spazi aperti al pubblico e le infrastrutture andrebbero adeguate in tal modo da agevolare la visita dei luoghi per un’utenza con esigenze specifiche”.

L’architetto Veronica De Stefani: “La prima fase del PEBA è articolata in diversi punti, per i quali è stato necessario il coordinamento con gli uffici comunali. Si è partiti dall’individuazione degli edifici e degli spazi urbani di proprietà comunale con rilevanza pubblica, per giungere alla compilazione delle schede di analisi con attribuzione del livello di accessibilità di ciascun edificio e spazio. Per far ciò si è ricorso anche alla somministrazione alla cittadinanza di un questionario appositamente elaborato allo scopo di far emergere criticità e priorità non individuabili tramite il sopralluogo tecnico, ma riscontrabili dagli utenti nella quotidianità".

"Il questionario è presente nel sito del comune e la sua utilità è finalizzata soprattutto alla predisposizione della seconda fase del PEBA con l’individuazione degli interventi prioritari da eseguire. Il costo complessivo del programma portotollese ammonta a circa 1.751.398 euro, suddiviso in 1.310.858 euro per gli edifici e 440.540 euro per gli spazi pubblici. Gli uffici tecnici avranno dunque l’incarico di impegnare, in occasione della definizione del bilancio annuale e della programmazione delle opere pubbliche, apposite risorse finanziarie per l’attuazione del PEBA che, in quanto piano in costante evoluzione, necessita di un osservatorio periodico sulle politiche e sui progetti in atto che vanno integrati e implementati anche sulla base delle osservazioni dei portatori di interesse, quali associazioni, cittadini, cooperative e soggetti direttamente coinvolti nella gestione degli spazi pubblici”.
Articolo di Mercoledì 1 Dicembre 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it