Condividi la notizia

AGGREGAZIONE

Centro parrocchiale di Santa Maria Maddalena: si riparte

Il Direttivo è composto dai tre sacerdoti dell’Unità Pastorale di Santa Maria Maddalena (Rovigo), Occhiobello, Gurzone, Canaro e Garofolo. Sabato 18 dicembre alle 21 in teatro Werevolution, un gruppo canoro con un vasto repertorio natalizio

0
Succede a:

OCCHIOBELLO (Rovigo) - Da qualche mese, e dopo un anno e mezzo di pandemia, le attività del Centro Parrocchiale Giovanni Paolo II di Santa Maria Maddalena sono ripartite.

Il primo appuntamento sarà lo spettacolo “Gospel e non solo” di sabato 18 dicembre alle 21:  in teatro Werevolution, un gruppo canoro con un vasto repertorio natalizio e non solo. Le prevendite sono aperte ed è possibile recarsi alla segreteria del Centro parrocchiale per acquistare i biglietti al venerdì dalle 16 alle 18 e al sabato mattina dalle 10 alle 12.

Inoltre si è insediato a settembre un nuovo Direttivo, con il compito di riprogettare le attività di questa risorsa strategica per il territorio e punto di incontro anche per l’intera Unità Pastorale in cui è inserito.

Il Direttivo è composto dai tre sacerdoti dell’Unità Pastorale di Santa Maria Maddalena, Occhiobello, Gurzone, Canaro e Garofolo, ovvero don Nicola Albertin (moderatore), don Patrizio Boldrin e don Alessandro Ferracin, che sono affiancati da un gruppo di laici: Carlotta Ferranti, Coordinatrice delle attività, esperta di comunicazione e marketing; Andrea Zampini, da anni impegnato nella Segreteria e gestione delle manutenzioni ordinarie; Marta Bonatti, già Presidente della nostra scuola dell’infanzia M.C. Nanetti; Giovanna Veronesi, esperta di materie giuridiche; Federico Quaiotti, commercialista, con specifiche competenze in revisione dei conti e organista delle nostre celebrazioni; Diego Michelotto, un passato da Scout e un presente da esperto di sistemi informatici.

In particolare, la prima linea strategica adottata è stata quella di mettere al centro i ragazzi, i giovani, che come sappiamo sono una popolazione che ha bisogni cangianti, tipici dell’adolescenza e dell’inizio dell’età adulta. Le attività che si svolgeranno al Centro Parrocchiale saranno rivolte proprio ai giovani dai 14 ai 25 anni.

In passato la struttura aveva avuto una forma giuridica specifica, la Cooperativa, che ora è stata ritenuta non più attuale per la nuova progettualità. “Per questo abbiamo pensato a creare un team di laici - sottolinea il Direttivo - che potesse continuare ad avere la vocazione del servizio unita a competenze specifiche, di ambiti affini alle aree da presidiare. Si sta cercando di fare tesoro delle esperienze dei precedenti comitati, che hanno dato davvero tanto al Centro: a loro il grazie per il lavoro notevole svolto fin qui.

Spesso il Centro è stato associato a ciò che è visibile, come le conferenze, gli spettacoli teatrali, le feste di compleanno, ma è prima di tutto una struttura complessa, con costi di mantenimento importanti. Inoltre l’obiettivo è quello di caratterizzarlo come un contenitore di progetti che si possano sviluppare nel tempo, almeno con un orizzonte triennale. Sarà necessario il contributo di tante persone per dare una mano ad alimentare questo flusso di idee e a tradurle in concreto.

Soprattutto, come Direttivo, condividiamo una visione: per regalare ai nostri ragazzi un ambiente sano dove poter fare esperienze “all’ombra del campanile”, senza sentirci indispensabili ma utili: l’obiettivo è quello di avere una struttura che viva a prescindere da chi si alternerà nel servizio di direzione”.

Il Centro Parrocchiale Giovanni Paolo II è composto dal Teatro “Don Gino Tosi”, una struttura da 244 posti, tra platea e loggione. Il teatro è a disposizione per essere affittato per eventi, iniziative, convegni. Sono inoltre presenti diverse tipologie di sale, che vanno da 100mq a 30 mq, per un totale di 9 sale.

Per informazioni sullo spettacolo: cell 351 6333600
prevendita: venerdì dalle 16 alle 18 e sabato dalle 10 alle 12

è possibile contattare anche la Pagina Facebook: @CentroParrocchialeGiovanniPaoloII

Articolo di Mercoledì 1 Dicembre 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it