Condividi la notizia

POLIZIA DI STATO

"Stop al bullismo": partita la campagna Despar e Polizia di Stato

Campagna informativa nei supermercati Despar per contrastare il fenomeno del bullismo e del Cyber bullismo in collaborazione con il Ministero dell’Interno e la Questura di Rovigo

0
Succede a:

ROVIGO - Un semplice gesto, un opuscolo informativo all’interno della busta della spesa, perchè prevenire è meglio che curare. E’ partita in provincia di Rovigo la campagna “stop al bullismo” di Despar e Polizia di Stato. Continua l’impegno di Aspiag Service, concessionaria del marchio Despar per il Triveneto, l’Emilia Romagna e la Lombardia, al fianco della Polizia di Stato per diffondere in modo capillare importanti messaggi a sfondo sociale contro fenomeni di discriminazione e violenza, un progetto che nasce con la collaborazione con il Ministero degli Interni.

In 12 punti vendita Despar della provincia di Rovigo verranno consegnati degli opuscoli informativi, le famiglie sono le prime sentinelle, vedono i propri ragazzi ogni giorni, se qualcosa non va lo notano, e l’adolescenza è un’età particolare esposta a rischi.

“E’ il secondo progetto di collaborazione con la Polizia di Stato - ha sottolineato Giovanni Taliana, Direttore relazioni esterne - Aspiag Service - il progetto nasce ad inizio anno con il Ministero degli Interni per portare degli opuscoli ai cittadini consumatori, prima contro la violenza di genere, oggi sul bullismo. All’interno ci sono dei numeri verdi per avere delle informazioni, il bullismo riguarda gli adolescenti, una fascia d’eta che è stata abbandonata a se stessa senza sport e scuola nel periodo del lockdwon, e il supermercato era l’unico posto dove si poteva andare”.

Le prossime iniziative riguarderanno le truffe agli anziani e le tematiche legate all’abuso di alcool.

“L’informazione nel fenomeno come il bullismo è fondamentale - ha sottolineato il commissario capo Andrea Ambrosino portavoce del Questore Giovanni Battista Scali, e numero uno della Squadra Mobile - è in crescita il cyber bullismo, episodi difficili da contrastare perchè sono attacchi anonimi. I casi in provincia di Rovigo si contano sulle dita di una mano, e siamo riusciti ad intervenire prontamente anche grazie alla collaborazione delle famiglie. Spesso le vittime non denunciano per paura e vergogna, sono gli stessi genitori che chiedono il nostro intervento, l’immediatezza della segnalazione consente di porre fine sul nascere del problema”.

Ringraziando la Procura presso il Tribunale dei Minori, il commissario capo ha annunciato degli incontri nelle scuole per affrontare il tema del bullismo, una campagna d’informazione diretta “Ricordo che esiste l’App YouPol, uno strumento importante che permette di segnalare episodi anche in forma anonima, poi la Polizia di Stato deciderà se procedere nell’immediatezza della segnalazione, o svolgere ulteriori approfondimenti”.

L’iniziativa della Despar interesserà tutte le province del Veneto, è già stata presentata anche a Bolzano e Udine, tra poco partirà anche a Ferrara e Bologna prossimamente.

 

 

Articolo di Giovedì 2 Dicembre 2021

Condividi ora la notizia con i tuoi amici

Oggi in Cronaca

La tua opinione conta!

Contribuisci alle discussioni quotidiane con gli altri utenti di RovigoOggi.it